Thiago Emiliano Da Silva

SIGNORE E SIGNORI LUSTRATEVI GLI OCCHI ECCO A VOI...UNA SICURA PRIMA SCELTA Thiago Emiliano Da Silva CLASSE '84   Caratteristiche tecniche Cresciuto come ala destra, con capacità di giocare come mediano e terzino, durante la permanenza alla Juventude viene convertito in centrale difensivo.
Possiede una buona velocità di base ed è ottimo negli interventi in anticipo.
Carriera Cresciuto nelle giovanili del Fluminense, al momento di passare in prima squadra Thiago Silva non è stato messo sotto contratto dal club brasiliano.
Gli è stato comunque offerto un contratto da professionista dall'RS Futebol, con cui ha disputato la terza divisione del Campionato Gaúcho e, dopo poco, è stato acquistato dalla Juventude, con la quale ha debuttato nel Brasileirão nel 2004.
Le sue prestazioni nel nuovo ruolo di difensore centrale lo hanno fatto notare da alcuni club europei, in particolare il Porto, che nel 2004, dopo un periodo di prova, lo ha acquistato per 2,5 milioni di euro.[3] A causa di un infortunio e alcuni problemi respiratori non è stato aggregato alla prima squadra e nel gennaio del 2005 è stato ceduto in prestito alla Dinamo Mosca.
A Mosca gli è stata diagnosticata una polmonite, che lo ha costretto a stare a lungo fermo.[4] Nel 2006 è ritornato in Brasile per provare a ricominciare la carriera con il club che lo ha cresciuto nelle giovanili, il Fluminense.
Nel 2007 con il Fluminense ha vinto la Coppa del Brasile e a livello personale la Bola de Prata, premio riservato agli 11 migliori giocatori del campionato brasiliano.
Nel 2008 è arrivato sino alla finale della Coppa Libertadores persa dopo ai rigori contro l'LDU Quito.
Nel dicembre 2008, dopo alcuni contatti con diverse squadre europee come Inter, Chelsea, Manchester City e Villarreal, con quest'ultima che già aveva trovato un'intesa con il Fluminense,[5] si è accordato con il Milan, che lo ha pagato 10 milioni di euro e con cui ha firmato un quadriennale da 2,5 milioni di euro.[6] La società rossonera non ha potuto tesserarlo a partire da gennaio 2009 a causa della mancanza di posti per gli extracomunitari,[7] ma ha deciso comunque di farlo allenare a Milanello con i nuovi compagni, a cui si è aggregato a partire dal 14 gennaio 2009.[8] Ha esordito con la maglia rossonera il 21 gennaio 2009 nell'amichevole giocata in Germania contro l'Hannover 96.
(FONTE wikipedia)    

Leggi tutto l'articolo