Tiger Woods torna a casa dalla moglie

  Si profila un inaspettato e soprattutto lieto fine nella saga di Tiger Woods.
Poche ore dopo il 'mea culpa' in diretta tv, il sito Tmz, citando testimoni oculari, sostiene che è tornato nella sua casa di Windermere, in Florida, da dove venne cacciato in malo modo la notte del Thanksgiving, tre mesi fa.
Poco dopo è arrivata a casa anche la moglie Elin Nordegren, alla quale Tiger aveva chiesto scusa a più riprese.
Tiger uscito dalla clinica del sesso aveva voluto, in diretta tv, chiedere scusa per lo scandalo che lo ha travolto.
"Scusatemi - ha detto - il mio comportamento è stato irresponsabile e sono profondamente dispiaciuto per quello che ho fatto".
Il golfista aveva spiegato di aver già fatto 45 giorni di terapia in clinica per risolvere i suoi problemi ma "ho ancora tanta strada da fare per guarire".  "Molti di voi in questa stanza sono miei amici, molti mi conoscono, molti di voi hanno lavorato per me o mi hanno sostenuto: ognuno di voi ha una buona ragione per essere critico verso di me, ma io voglio dire a ognuno di voi che mi dispiace profondamente: il mio è stato un comportamento irresponsabile ed egoistico".
Tiger si è assunto l'intera responsabilità di quanto accaduto il 27 novembre scorso, quando lo scandalo è scoppiato.
Quella sera si schiantò a bordo del suo Suv contro un albero a pochi metri dalla sua abitazione in Florida dopo una lite con la moglie, la modella svedese Elin Nordegen, 30 anni.
"Quella sera Elin non mi ha picchiato - ha spiegato Woods - mia moglie ha mostrato grande umanità in tutta la vicenda.
Non le sono stato fedele, ho avuto storie con altre donne, ho imbrogliato mia moglie e questo non è accettabile".
 

Leggi tutto l'articolo