Tirrenia&Siremar, ecco i possibili acquirenti

Rimangono in tredici i possibili acquirenti della Tirrenia.
Giancarlo D'Andrea, commissario straordinario del gruppo, ha fissato al 15 marzo prossimo il limite massimo per la presentazione delle offerte.
Le lettere sono state inviate da D'Andrea a 13 soggetti dei 16 iniziali che avevano risposto ai bandi pubblici manifestare l' interesse all'acquisto.
Le società che rimangono in gara sono: Atlantica, Costantino Tomasos Trasporti Marittimi, Forship, Frittelli Maritime Group, Grandi Navi Veloci, Gruppo XTL, Laviosa Minerals, Mediterranea Holding di Navigazione, Moby, Shipping Investments, Stradeblu, Strategic Value Partners e Zao Soyuzneftegas Invest.
Per Siremar, le società interessate sono: Caronte & Tourist, Mediterranea Holding di Navigazione, Riccardo Sanges & C., Traghetti delle Isole e Ustica Lines.
I sindacati rimangono pero' cauti sul programma di cessione e premono per il mantenimento dei livelli occupazionali.
Per il segretario generale della Fit-Cisl, Giovanni Luciano, ''e' positivo che siano in gioco, per la privatizzazione di Tirrenia e di Siremar, importanti gruppi armatoriali che offrono solide garanzie di strutture industriali in grado di gestire al meglio le compagnie'', pero' permangono criticita' dal punto di vista del livello occupazionale.
Il documento sul programma di cessione di Tirrenia e Siremar spiegato oggi dal commissario straordinario, prosegue Luciano ''presenta gia' un forte elemento di non condivisione, per il fatto che le garanzie occupazionali inserite sono previste al minimo di legge di due anni, pur in presenza di concessioni garantite per otto anni.
In questo il Governo dovra' fare la sua parte''.
''I delicati passaggi di questa privatizzazione - conclude da parte Luciano - richiedono una ampia convergenza del mondo del lavoro, oltre ad una condivisione degli obiettivi e delle scelte per realizzarli''.
Anche per la Filt-Cgil ''vanno create le condizioni affinche' il commissario possa pretendere il rispetto delle norme contrattuali e delle garanzie occupazionali''.
Massimo Ercolani, coordinatore nazionale dei marittimi della Filt Cgil, dopo l'incontro con il commissario straordinario ha spiegato che ''per quanto attiene la continuita' occupazionale abbiamo appreso che le garanzie previste sono limitate ad un periodo di due anni, come stabilito dalla legge, e per quanto attiene la continuita' dell'applicazione dei contratti e' legata a quanto verra' proposto dall'eventuale acquirente ai singoli lavoratori''.
Secondo Ercolani ''proprio su questi punti ci sono dei precisi impegni del [...]

Leggi tutto l'articolo