Torre del Lago P. (LU): Luca Ramacciotti

Lunedì 22 novembre al Teatro Nacional Rubén Darío in Nicaragua va in scena la Tosca di Puccini in collaborazione con il Festival Puccini.
A firmare la regia è stato chiamato il viareggino Luca Ramacciotti che si dichiara onorato e felicissimo per l’incarico.
“Dopo anni che faccio l’assistente – dichiara Ramacciotti – sono prontissimo al salto e sono lieto di farlo in un’opera che mi ha sempre portato fortuna.
Ho infatti iniziato a fare il figurante nella Tosca firmata da Vivien Hewitt e il mio primo assistentato è stato per Beni Montresor in una delle più belle edizioni di Tosca mai fatte.
Quindi sono legato doppiamente a questa opera che si svolge in una delle più belle città del mondo che io amo da sempre: Roma”.
Per questo evento Luca Ramacciotti è stato chiamato anche a ideare le scene “Sì – conferma – per me una bella sfida.
Quando ho fatto i miei concerti spettacolo dove la lirica si mescolava alla prosa, al balletto o all’acrobatica ho sempre realizzato le scenografie utilizzando la tecnica dell’ikebana Sogetsu, scuola di cui sono sensei, ma qui si è trattato di ideare una scena che fosse costruibile in poco tempo e sposasse tradizione e innovazione.
Ho avuto la fortuna di essere coaudiuvato nel disegno tecnico della scena da Poalo Ceccarini che è stato grandioso.
Avremo tre immensi scaloni sormontati da cornici che avranno al loro interno elementi scenici o saranno utilizzati come ingresso per i protagonisti per i primi due atti mentre nel terzo saranno unite a formare un’unica immensa scala con una gigantesca cornice al di là della quale si vedrà la silhouette di San Pietro.
I cantanti sono tutti nicaraguensi con l’eccezione di Veio Torcigliani, il baritono camaiorese con cui ci siamo incrociati più volte sulle scene e che stimo moltissimo.
Per quanto riguarda la direzione d’orchestra sono fortunatissimo dato che avrò al mio fianco Valerio Galli.
Una menzione particolare la vorrei per il Direttore di palcoscenico Tony Cremonese che mi ha insegnato moltissimo fin da quando ero figurante”.
Un’ultima annotazione il Ramacciotti la dedica proprio al Festival Puccini che ha creduto in lui.
“Sono molti anni che lavoro al Festival e già in passato ho fatto riprese di opere in Messico e negli Emirati Arabi, sono legatissimo a questo Festival che in un momento come questo di crisi economica e sociale porta avanti la bandiera della cultura e di Puccini e da sempre lo fa con grande impegno e professionalità.
Lo staff che mi affiancherà in Nicaragua è composto da [...]

Leggi tutto l'articolo