"Tortura psicologica senza sosta": John Pilger rivela le condizioni di Assange in carcere da antidiplomatico

 Il giornalista australiano e pluripremiato documentarista, John Pilger afferma che la "tortura psicologica" contro il fondatore di WikiLeaks Julian Assange continua "senza sosta" mentre rimane sotto la custodia britannica. Pilger su Twitter ha scritto di aver recentemente parlato con Assange e ha affermato che il giornalista aveva perso ancora più peso di quanto riportato in precedenza; gli è stata anche negata la possibilità di parlare al telefono con i suoi genitori. I spoke to Julian #Assange at the weekend.
His psychological torture is unabated.
He remains isolated in his small cell, mostly 23 hours a day, denied proper exercise.
He has lost more weight.
Although 'approved', phone calls to his parents are still not possible.
Britain 2019.— John Pilger (@johnpilger) 28 agosto 2019 "Gran Bretagna 2019", ha concluso Pilger.  Il giornalista è stato un fervente difensore di Assange da quando è iniziata la sua resa dei conti con i governi occidentali a seguito della pubblicazion...

Leggi tutto l'articolo