Tradimenti, palle e capitani.

Il mondo è pieno di drammi –pensate solo agli innocenti figli delle coppie separate dovorziate e risposate che, poveri piccini, vedono il papà e la mamma vestirsi ed uscire manco fossero giovanotti e li lasciano coi nonni o ancor peggio in casa del nuovo “amore”- e quelli si mettono a litigare per la fascia di capitano.
Piu stolti ancora i colleghi che ne parlano (e come si accalorano alla importantissima quaestio! ) e frotte di poppiti che commentano con una delicatezza ed una superficialità pari alla loro scolarità.
Ecco: il mondo.
I drammi si ripetono, i segni ci sono e ieri quanti battezzatati hanno fatto il precetto festivo? Macchè…erano a mare.
A far gli sporcaccioni.
E se non erano in spiaggia (e bestemmiando per non esser fisicamente in quelle squallide cloache olezzanti di zolfo e lussuria e pure sodomia) si son piazzati dietro ad un computer.
A scrivere od a leggere edificanti meditazioni? Macchè: a far gli sporcaccioni ancor più.
Da tempo lo sostengo che internet e facebook stanno distruggendo quel poco di famiglia sana che rimaneva.
Bene, bravi, bis.
Egoisti: pensate ai vostri figli e non a farvi dispetti o, cosa ancor piu nauseabonda, a tradire.
Sul piano prettamente calcistico: una squadra ne fa dieci e gli ultrà gongolano.
Poi scopri che li ha segnati ad un team di seconda categoria.
Ed allora pure la cinquina del nuovo bomber che-tremare-il-mondo-fa lascia il tempo che trova.
Ed anzi: conferma il livello tecnico.
Appunto.
Per finire: qui da noi le cose non mi piacciono.
Spero di sbagliarmi ma ritengo che questa messinscena durerà pochi mesi.
Poi voleranno gli stracci.
Sentite cosa vi dico: è quasi inevitabile che dopo decenni si creai una fisiologica frattura e vi sia un ricambio.
Sicchè è nelle cose che questa dirigenza andrà via (presto o tardi) ma io vi dico: non sarà indolore.
Assisteremo ad un vomitarsi addosso le peggiori accuse l’un l’altro.
E questo potrebbe già avvenire entro l’anno.
“no alla dirigenza politica”.
Cantavano.
Si si, come no.

Leggi tutto l'articolo