Trattoria DONNA TERESA a Napoli

Via Kerbaker 58 - Napoli 081 5567070   ORARIO: 20:00 - 02:00 Chiuso la Domenica Un luogo magico per tutti gli intenditori, nel quatiere Vomero di Napoli.
Fra gli ottimi primi piatti meritano una menzione particolare la pasta al forno, pasta e ceci, pasta e patate, lenticchie e scarole, fagioli e scarole, pasta e fagioli, pasta e zucchine, pasta ‘alla genovese’.
Anche i secondi non sono certo da meno, specie i più “popolari” come la famosa “tracchiolella” di maiale.
Non possono mancare frutta di stagione e dolci fatti in casa come la mitica pastiera di Teresa.
Da Donna Teresa si riscopre quella sana ospitalità di un tempo, in una cucina che riesce ad entusiasmare nella sua semplicità e nella sua riscoperta dei buoni sapori di un tempo, la vera cucina napoletana..
.
La sala e' un po' stretta e lunga dove in fondo si intravede la cucina.
Pochissimi coperti incastrati in circa otto tavolini che permettono giusto il passaggio.
Veniamo accolti con estrema gentilezza da Don Luigi, dalla figlia che serve ai tavoli e dalla signora Teresa che è la padrona assoluta della cucina.
La tavola è coperta da una semplice incerata con sopra tovaglioli di carta, posate, piatti e bicchieri “di casa”.
Decido per un piatto di scarole con lenticchie che a quanto pare e' una delle specialita' di questo posto.
Davvero buonissimo; freschissima la verdura e cucinata in maniera ottimale con la giusta “brodosità” che permette anche una scarpetta con un ottimo pane cafone, croccante all’esterno e morbido dentro.
    Silvia propende per una tracchiolella al ragu' e una fetta di parmigiana di melanzane (vedi ricetta).
Sublimi entrambe.
  C'e' naturalmente ancora spazio per qualche altra leccornia e cosi' proseguo con la carne alla genovese (vedi ricetta).  Una vera bonta'...
  La carne alla genovese consiste in un taglio di carne di manzo che possa mantenere una cottura di circa 3 ore insieme a tantissime cipolle  fino a quando diventa morbida e le cipolle non divengono una crema.
La carne e' morbidissima, saporita e le cipolle esaltano quello che è un vero per proprio viaggio nel sapore e nel gusto di altri tempi.
  Silvia prende una porzione di melenzano a funghetti (in napolitano Mulignane a fungitielli).
Si tratta di melanzane tagliate a tocchetti, prima fritte in padella e poi immerse in un bel sughetto di pomodoro fresco profumato con basilico.
Anche qui nulla da eccepire...
Abbiamo preso una bottiglia d'acqua e 1/2 litro di vino rosso della casa.
Paghiamo poco piu' di 11 euro a testa.
Davvero un prezzo piu' che [...]

Leggi tutto l'articolo