Tribunale per i Diritti del Malato

Il Tribunale per i Diritti del Malato è un"iniziativa nata nel 1980 per tutelare i diritti dei cittadini nell"ambito dei servizi ospedalieri e assistenziali e per contribuire ad una più umana e razionale organizzazione del servizio sanitario.
Il Tribunale è costituito da cittadini comuni, ma anche da operatori dei diversi servizi e da professionisti che si impegnano a titolo volontario.
Esso opera mediante: circa 500 punti rete presenti sul territorio nazionale; più di 35.000 cittadini attivi negli ospedali e nei servizi territoriali; 19 coordinamenti regionali; una struttura centrale, che coordina le attività della rete e promuove le iniziative nazionali.
L"attività del TDM è volta alla ricerca di tutte le soluzioni utili a rimuovere condizioni di sofferenza inutile e di ingiustizia tramite l"esercizio dei poteri di interpretare le situazioni, di mobilitare le coscienze, di rimediare agli intoppi istituzionali e infine di conseguire immediatamente i cambiamenti materiali della realtà che permettono il soddisfacimento dei diritti violati.
Fanno parte integrante dell"attività del Tribunale la promozione e la realizzazione di politiche orientate a far valere il punto di vista dei cittadini nella riforma del welfare sanitario.
Tali attività hanno quindi per oggetto la tutela sociale dei diritti dei cittadini.
In pratica l"impegno del tribunale è caratterizzato da: raccolta di informazioni circa lo stato dei servizi sanitari e la violazione dei diritti dei cittadini; proclamazione e divulgazione di Carte dei diritti; consulenza e aiuto al cittadino di fronte ad abusi e inadempienze, sia mediante interventi diretti su strutture e servizi, sia mediante la messa a disposizione di strumenti e informazioni necessarie a tutelarsi; mobilitazione dei cittadini tramite iniziative pubbliche, campagne informative, raccolte di firme, ecc.; monitoraggio e vigilanza permanente.

Leggi tutto l'articolo