Trieste, 3 giudici denunciati

Leggiamo & Pubblichiamo una storia che si ripete…LA VOCE DI TRIESTENegano persino i diritti di porto franco.
L’ordinanza denunciata dei giudici Spadaro, Pacilio e MorvayLa denuncia verrà ora trattata dalla Procura e dal Tribunale di Bologna per competenza territoriale sui procedimenti che riguardano magistrati in servizio nel distretto giudiziario triestino.http://www.lavoceditrieste.net25 settembre 2013di Paolo G.
ParovelQuando vedi che l’unica città-porto franco internazionale del Mediterraneo, Trieste, ha diritti di vantaggio fiscale straordinari ma i suoi politici ed i loro media prima li trascurano, e poi li negano in piena crisi, è evidente che c’è qualcosa che non va.Quando vedi che quei politici e quei media insistono a voler regalare illegalmente mezzo porto franco alla speculazione edilizia e immobiliare raccontando balle, il qualcosa che non va incomincia a delinearsi.Quando vedi che su quell’operazione ci sono pesanti interrogativi antimafia, ma quegli stessi politici e media fingono di ignorarli, il qualcosa che non va autorizza ipotesi ancor peggiori.Quando vedi che chiunque si opponga efficacemente viene aggredito da quei politici e media locali con violente campagne stampa di diffamazione, minacce e notizie false, quelle ipotesi si rafforzano in proporzione.Quando vedi che magistrati locali e lo Stato li appoggiano partecipando, od omettendo di intervenire, il qualcosa che non va deve avere radici ancora più estese.Ma quando vedi che alcuni magistrati li aiutano falsificando lettera e interpretazione dei trattati internazionali per negare l’esistenza di quei diritti fiscali e dei diritti porto franco, inclusi i vincoli sulle aree insidiate dalla speculazione edilizia, il qualcosa che non va assume una fisionomia precisa.“Un sistema di corruzione esteso e coperto” Leggi tutto

Leggi tutto l'articolo