Trilussa

UN giorno er sole e er vento
fecero nà scommessa
A chi arzava la vesta a nà ragazza
che , proprio in quer momento
Traversava 'na piazza
Io disse er sole posso stà tranquillo:
se  pe' arzà la vesta
puro a nà donna onesta
basta ' na purcia o un grillo , è affare mio
me la lavoro io
Ce provò dù o tre vorte inutirmente
La ragazza faceva quarche strillo
zompava un pò, ma nun s'arzava gnente
Tutto contento er vento
Prima de fà la prova
entrò in un banco e fece volà via
una carta da cento
poi cominciò cor fischio da lontano
e piano piano je se fece addosso
ma la ragazza ,arinnicchiata ar muro
S'areggeva la vesta cò le mani
e strigneva le gambe a  più non posso
però quanno s'accorse der bijetto
che je volava proprio su la testa
Agnede p'acchiappallo,arzò le braccia...
Allora er vento la pijo de faccia
Se fece sotto e j'arzò su la vesta
Vedi? dice nun è che a noi ciamanchi
la forza a fà li fochi o a fà li venti
è che oggigiorno in certi sperimenti
cè vonno li pappiè da cento franchi!
 
 
 
La v...

Leggi tutto l'articolo