Triplice omicidio in Calabria: uccisi padre e due figli ventenni

PIANA DI GIOIA TAURO| TRIPLICE OMICIDIO NELLA PIAZZETTA DI RIZZICONI.
Nella sparatoria hanno perso la vita Reno Borghese e i suoi figli Antonio e Francesco.
Esclusa la pista mafiosa.Il municipio di RizziconiUccisi in piazza, nella notte di martedì.
Tre persone - Reno Borgese di 48 anni, e i suoi due figli Antonio e Francesco, di 27 e 21 anni - sono state uccise a colpi d'arma da fuoco a Rizziconi, centro della piana di Gioia Tauro.
Sulla dinamica del triplice omicidio indaga la polizia di stato che sul movente.
ARMA DA FUOCO - Il triplice omicidio è avvenuto la notte di martedì in una piazzetta davanti le scuole elementari del paese.
Per uccidere Reno Borgese e i due figli è stata usata un'arma da fuoco, un fucile o una pistola.
Sul posto si sono recati gli agenti della Mobile di Reggio Calabria e del commissariato di Gioia Tauro.ESCLUSA LA PISTA MAFIOSA - La polizia esclude, al momento, il movente mafioso per il triplice omicidio accaduto a Rizziconi.
Le tre vittime erano tutte incensurate.
Gli investigatori stanno verificando se il triplice omicidio sia accaduto al culmine di una lite o per altri fatti non collegabili però a vicende di 'ndrangheta.
Le indagini, dunque, almeno per il momento, seguono varie direzioni.Redazione Online

Leggi tutto l'articolo