"Trovato neonato in una stalla - La polizia e i servizi sociali indagano"

BETLEMME, GIUDEA – L'allarme è scattato nelle prime ore del mattino, grazie alla segnalazione di un comune cittadino che aveva scoperto una famiglia  accampata in una stalla.
Al loro arrivo gli agenti di polizia, accompagnati da assistenti sociali, si sono trovati di fronte ad un neonato avvolto  in  uno scialle e depositato in una mangiatoia dalla madre, tale Maria H.
di Nazareth, appena quattordicenne.
Al tentativo della polizia e degli operatori sociali di far salire la madre e il bambino sui mezzi blindati delle forze dell'ordine, un uomo, successivamente identificato come Giuseppe H.
di  Nazareth, ha opposto resistenza, spalleggiato da alcuni pastori e tre stranieri presenti sul posto.
Sia Giuseppe H.
che i tre stranieri, risultati sprovvisti di documenti di identificazione e permesso di soggiorno, sono stati tratti in arresto.
Il Ministero degli Interni e la Guardia di  Finanza stanno indagando per scoprire il Paese di provenienza dei tre clandestini.
Secondo fonti di polizia i tre potrebbero infatti   essere  degli spacciatori internazionali, dato che erano in possesso di un  ingente quantitativo d'oro e di sostanze presumibilmente illecite.
Nel corso del primo interrogatorio in questura gli arrestati hanno  riferito di agire in nome di Dio, per cui non si escludono legami con Al Quaeda.
  Le sostanze chimiche rinvenute sono state inviate al laboratorio per  le analisi.
 La polizia mantiene uno stretto riserbo sul luogo in  cui è stato portato il neonato.
Si prevedono indagini lunghe e difficili.
  Un breve comunicato stampa dei servizi sociali, diffuso in mattinata,  si limita a rilevare che il padre del bambino è un adulto di mezza  età, mentre la madre è ancora adolescente.
Gli operatori si sono messi in contatto con le autorità di Nazareth per scoprire quale sia il  rapporto tra i due.
Nel frattempo, Maria H.
è stata ricoverata presso  l'ospedale di Betlemme e sottoposta a visite cliniche e  psichiatriche.
  Sul suo capo pende l'accusa di maltrattamento e tentativo di abbandono  di minore.
Gli inquirenti nutrono dubbi sullo stato di salute  mentale  della donna, che afferma di essere ancora vergine e di aver partorito  il figlio di Dio.
 Il primario del reparto di Igiene mentale ha  dichiarato  oggi in conferenza stampa: "Non sta certo a me dire alla gente a  cosa  deve credere, ma se le  convinzioni di una persona mettono a  repentaglio – come in questo caso - la vita di un neonato, allora la persona  in  questione rappresenta un rischio sociale.
  Il fatto che sul [...]

Leggi tutto l'articolo