True Blood 3x05 William

Ecco il nuovo episodio della fan fiction della terza stagione: True Blood 3x05 William   Flashback 1982   Siamo a Times Square, New York, è notte fonda Bill sta aspettando qualcuno davanti alle enormi luci della famosa strada di NY.
Bill è sorpreso ed estasiato da queste luci Arriva una macchina, molto bella ed elegante.
Nera Da questa macchina scende l'agente Paul.
Uguale e identico a come è nel presente.
Paul: signor Compton? Bill: si, sono io Paul: mi avevano fatto una descrizione perfetta Bill sorride Paul: dunque, New York le piace? Bill: si, molto luminosa, l'ultima volta che c'ero stato, non era esattamente così Paul sorride Paul: pensare che la prima volta che ci sono stato io, non c'era nemmeno un grattacielo Bill è confuso Bill: è un vampiro? Paul: le sembro un vampiro? Bill: non direi..
Paul sorride Paul: lei ha un ottimo intuito signor Compton Bill: allora, posso incontrare questo William? Paul grugnisce Paul: noi preferiamo non pronunciare il suo nome, sa per rispetto Bill: mi scusi..
Paul: possiamo passarci sopra....
Domani notte, alle 23.42 precise, si faccia vedere al 4815 di Lexington Avenue.
Appartamento 16 Bill: 23.42 precise, non so, forse non so se riesco a fare in tempo..
Paul: beh, o fa in tempo, o non potrà parlare con William...
Bill: non capisco..
Paul: il nostro signore è molto preciso, non ama i ritardi..
Bill è confuso Paul: 23.41? Bill: 23: 41! Paul sorride Paul: a domani sera signor Compton Bill: a domani sera....
Paul entra nella macchina, che parte e lascia Times Square.
Bill è confuso.
  Presente Bill è tornato, siamo nella villa di Gellar   Bill: fatti guardare..4 giorni, è sembrata un'eternità Bill guarda il collo di Sookie Bill: cosa è successo? Sookie non risponde Bill guarda Eric con rabbia Bill: cosa è successo? Sookie: niente...
Bill: quelli non sono miei Sookie Eric: sono i miei..
Bill: figlio di puttana..
Gellar si alza Gellar: signor Compton, non manchi di rispetto al suo sceriffo Sookie: Bill, per favore aveva bisogno di sangue..
Bill: certo, come no, non vedeva l'ora Eric: non posso dire di no...
Gellar: il suo sceriffo era in pericolo di coma, la gentile signorina lo ha salvato, dovrebbe essere fiero di lei Bill si avvicina ad Eric Eric: Bill, lascia stare dobbiamo pensare ad altro adesso Sookie: Bill, smettila! Bill: hai violato il mio legame con lei, l'hai fatto una volta e ci sono passato sopra, ma questo è davvero troppo.
Eric sorride Bill: cosa ridi? Eric: rido Bill, perché non stai facendo una bella figura, e ti ripeto, non ho voglia di combattere [...]

Leggi tutto l'articolo