Trump minaccia anche l'Italia: i prodotti a rischio

Viviamo nell’era post-globalizzazione. Accortisi, dopo averla sostenuta, che la globalizzazione ha creato soprattutto effetti nefasti più che benefici, negli ultimi anni i paesi stanno tendendo a chiudersi. Complice anche la recessione economica del 2008, che ha stravolto l’economia globale.
E così, si è tornati al protezionismo, alla paura dello straniero. Visto come una minaccia per le proprie risorse. Si stanno di nuovo ergendo muri, fili spinati, referendum per uscire dall’Ue (vedi Brexit), si eleggono governi populisti con venature xenofobe.
Anche la vittoria di Donald Trump nel paese globalizzato per antonomasia, è un chiaro segnale di tutto ciò. Forse il più evidente. Il Paese che dalla Seconda guerra mondiale in poi si è aperto al Mondo, pure troppo. Intromettendosi negli affari degli altri e spalancando le porte agli immigrati che, del resto, lo hanno fatto grande.
Durante la sua entusiasmante campagna elettorale, Trump ha attaccato sovente la Cina e la Corea del sud. I cui...

Leggi tutto l'articolo