Turchia instabile e i mercati lo sanno. Lira sempre più a picco

Malgrado il recente voto in Turchia abbia dato maggiore stabilità alla situazione politica (Erdogan è stato rieletto il 24 giugno con maggiori poteri presidenziali), i mercati continuano ad essere in fibrillazione. Il nuovo ministro delle Finanze Berat Albayrak (che è anche genero del "sultano" Erdogan), ha promesso che farà tutto ciò che i mercati richiedono per dare sostegno al paese, a cominciare dal ritorno dell'inflazione in valori normali (attualmente è oltre il 15%).
Turchia e mercati, c'è scetticismo
Tuttavia i mercati sono scettici, al punto che l'agenzia di rating Moody's ha parlato di "indipendenza della banca centrale a rischio". Del resto proprio Erdogan s'è sempre detto nemico dei tassi alti (che servirebbero proprio per abbassare l'inflazione), anche se in verità sono stati aumentati di 500 punti base dalla fine di aprile. Ad ogni modo Erdogan s'è detto sicuro che riuscirà ad abbassare l'inflazione e rafforzare nel contempo la lira. La valuta è crollata negli ultimi mesi...

Leggi tutto l'articolo