Tutela naturalistica e la valorizzazione degli ambienti costieri di Vasto e San Salvo; la nota dell'Arci

In data 02.05.2007, con numero di protocollo n.
6387, è stato presentato in Regione un progetto di legge regionale dal titolo “ Disposizioni per l’implementazione della gestione sostenibile, la tutela naturalistica e la valorizzazione degli ambienti costieri di Vasto e San Salvo “ con firmatari i seguenti ...
consiglieri regionali: CAPORALE primo firmatario e promotore della legge, CARAMANICO, BOSCHETTI, LA MORGIA, CESARONE, D’ALESSANDRO, ORLANDO, BOSCO, EVANGELISTA, MASCITELLI, ACETO, BOZZI, TAGLIENTE.
In pratica si propone l’istituzione di tre NUOVE RISERVE REGIONALI: CASARZA, nel comune di Vasto, da contrada Vignola a contrada Trave, dalla statale 16 alla linea di bagnasciuga; DUNE DI SAN SALVO, nel comune di San Salvo, corrispondente alla parte ricadente in San Salvo del SIC IT7140109 e all’adiacente area adibita a biotopo costiero; BASSO TRIGNO, nel comune di San Salvo, corrispondente alla parte ricadente in San Salvo del SIC IT714127.
    Nonostante le diverse sollecitazioni istituzionali del Consigliere Verde WALTER CAPORALE, tale progetto di legge non è stato mai approvato, ciò, forse perché, le amministrazioni locali interessate non hanno esercitato azioni di pressioni e rivendicazione con sufficiente vigore, ma soprattutto perché, i Consiglieri Regionali del territorio, nella fattispecie, BOSCHETTI e TAGLIENTE si sono limitati semplicemente ad apporre una firma sul disegno di legge, senza azioni susseguenti.
Oggi il nostro territorio esprime altri 3 Consiglieri Regionali, GIUSEPPE (Peppino) FORTE di Vasto, PAOLO PALOMBA di San Salvo e MASSIMO DESIATI di Vasto a costoro chiediamo di coronare la loro presenza in Consiglio Regionale in questo scorcio di legislazione, regalando al territorio l’approvazione della legge, chiaramente con la collaborazione di GIUSEPPE TAGLIENTE.
Visto l’iter già in corso, sicuramente tale approvazione può essere considerata ORDINARIA AMMINISTRAZIONE, inoltre si restituirebbe al territorio vastese quello che non è stato concesso in occasione dell’approvazione della Legge Regionale 30 marzo 2007, n.5 “ DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLA COSTA TEATINA “, legge attraverso la quale, grazie alla pressione di alcuni Consiglieri Regionali di quei territori, sono state istituite, giustamente, le seguenti riserve regionali: GROTTA DELLE FARFALLE nei Comuni di San Vito e Rocca San Giovanni, PUNTA DELL’ACQUABELLA nel Comune di Ortona, RIPARI DI GIOBBE sempre nel Comune di Ortona.
  ARCI VASTO

Leggi tutto l'articolo