Tutto il calcio estero aggiornato...

Mourinho aveva deciso almeno una settimana fa Il Daily Mail rivela: "Avram Grant sapeva di dover sostituire il portoghese.
Una settimana prima si era attivato per chiedere la licenza professionistica all'Uefa"   LONDRA (Gb), 22 settembre 2007 - Avram Grant sapeva del "licenziamento consensuale" di José Mourinho già una settimana fa.
Lo rivela il Daily Mail, raccontando che l’ex tecnico di Israele aveva contattato il capo della sua Federazione alla fine della scorsa settimana, per chiedergli la licenza "pro" imposta dall’Uefa per poter allenare una squadra di club in Inghilterra.
"Ho bisogno della "Pro Licence" e ne ho bisogno in fretta": questa l’urgente richiesta di Grant, che nemmeno dodici ore dopo la cacciata del portoghese aveva preso il suo posto sulla panchina del Chelsea.
SUBITO IN PANCHINA - Già sei mesi fa l’allenatore si era messo in contatto con Amnon Raz, l’equivalente israeliano dell’inglese John Barnwell, capo della "League Managers Association" (l’associazione allenatori), per conoscere le procedure burocratiche per ottenere il patentino, ma aveva poi deciso di soprassedere, rimandando la decisione più avanti.
Ma nell’ultima telefonata il tono della richiesta era radicalmente cambiato e, stando a una fonte anonima della Federazione d’Israele, Grant avrebbe fatto pressioni su Raz perché velocizzasse l’iter per avere la sospirata licenza così da poter allenare subito in Premier League.
"La sua nuova carica potrebbe sorprendere molte persone, ma non di certo il sottoscritto – ha spiegato al giornale Avi Nimni, ex capitano della Nazionale israeliana – perché sono in contatto quotidiano con Grant e il suo passaggio sulla panchina era in ballo da molto tempo.
Dovreste stare accanto ad Abramovich e Grant per capire che tipo di legame c’è fra loro".
FRETTA - A detta del Daily Mail, Raz è atteso a Londra la prossima settimana per parlare con il neo allenatore del Chelsea che giovedì avrebbe inviato via fax ad Avi Luzon, presidente della Federazione, i dettagli della sua carriera, da inserire nella domanda che, controfirmata da Luzon e dallo stesso Raz, sarebbe stata inviata all’Uefa, con la preghiera di affrettare il più possibile le procedure di rilascio del documento, indispensabile a Grant per sedere in panchina.
"E' un grande onore per Israele – ha sottolineato Luzon - che un nostro allenatore abbia avuto un incarico così importante nel calcio, se non addirittura il più importante di tutti".
"SONO NORMALE" - Grant è stato presentato ufficialmente ieri e le sue prime [...]

Leggi tutto l'articolo