ULTIMA ORA, MORTA MOIRA ORFEI SIGNORA E REGINA DEL CIRCO

La regina del circo italiano è stata trovata morta  poco fa nel suo camper a 24 stelle.
MOIRA ORFEI, nome d'arte di MIRANDA ORFEI (Codroipo, 21 dicembre 1931 – Brescia,  15 novembre 2015), è stata una circense e attrice italiana.
La ORFEI, era anche un'attrice e un personaggio televisivo molto popolare....  Icona del '900, con quel look inconfondibile, vide coronato il suo successo artistico nell'incontro con Walter Nones, che sposò nel 1961.
Infinite le sue comparse televisive e sui palcoscenici di tutta Italia e del mondo che l'hanno vista accanto ad alcuni dei principali artisti comici, teatrali e circensi.
Era diventata anche, chissà perché, un'icona gay («gli omosessuali stravedono per me.
Un sentimento che contraccambio di cuore»).
  "SONO LA SIGNORA DEL CIRCO.
E SE MI CHIAMANO ZINGARA PER ME È UN COMPLIMENTO"   Figlia d’arte nata dall’unione di Riccardo Orfei, celebre clown Bigolon, con Violetta Arata, anche lei protagonista del mondo del Circo, Moira ha vissuta sempre all’ombra del tendone.
Il suo nome di battesimo era Miranda, ma proprio per la sua carnagione particolarmente scura fu sempre chiamata «Mora», appellativo che divenne il suo nome d’arte.
Nel circo si è esibita a sei anni come cavallerizza, virtuosa del trapezio e acrobata.
Ha sprigionato la sua energia anche nel cinema e in tv interpretando oltre 40 film, anche al fianco di Vittorio Gassman, Marcello Mastroianni, Totò...
con  registi come Lattuada, Visconti, Germi, De Sica.
La coppia formata da Moira Orfei e Walter Nones ha due figli, Stefano e Lara.
Lara ha dato alla luce due bimbi: Moira junior e Walter junior mentre Stefano, dall'unione con Brigitta Boccoli, l'aveva resa nonna di Manfredi.
NOTA INTEGRATIVA Una donna conturbante.
Ma anche una donna con turbante.
Il più famoso di tutti: il mitico turbante di Moira Orfei.
La Wanda Osiris del circo.
«Anche lei lo portava, ma il mio è più bello.
Fatto di capelli naturali, lunghi e nerissimi».
Dall'alto della sua capigliatura (che le regala almeno un 10 centimetri di statura), Moira guardava  il mondo come farebbe un trapezista in volo: sfrecciando da un estremo all'altro.
«Ancora oggi - raccontava - il pubblico mi reclama, ogni sera scendo in pista e saluto.
Gli applausi scrosciano come un tempo.
La gente del circo mi adora.
E io adoro la gente del circo».
La «gente del circo», per lei, è qualcosa che va al di là del dato fisico: è una categoria dello spirito, un riflesso dell'anima Ma il valore aggiunto dell'artista  è racchiuso  in questa  piccola foto che [...]

Leggi tutto l'articolo