UN’OFFERTA SPECIALE. Note sul Movimento 5 Stelle di Cesare Allara

Presento oggi un breve scritto di Cesare Allara, dal titolo Un’offerta speciale.
Note sul Movimento 5 Stelle, che esprime su questo specifico fenomeno, tutto italiano e di nascita virtuale, figlio legittimo della blogosfera, un’opinione per certi versi significativamente diversa dalla mia.
Pur trattando nello specifico del fenomeno Grillo/M5S, emerso con prepotenza nelle recenti elezioni amministrative parziali, Cesare Allara – amico personale del filosofo Costanzo Preve e attento nell’analisi dei fenomeni politici e sociali che caratterizzano l’Italia di oggi – mette in rilievo correttamente la portata e il significato dell’astensionismo, della diserzione in massa dalle urne dove si compie il rito elettorale di legittimazione sistemica, che precede per importanza tutti gli altri fenomeni emersi in questa tornata elettorale amministrativa, ivi compresa la stessa affermazione di Grillo, grillini e Movimento 5 Stelle.
Leggendo lo scritto di seguito proposto, ho colto un certo qual ottimismo da parte di Allara, che si accompagna ad un’apertura di credito al M5S, composto di giovani non intercettati dalle tradizioni forze della cosiddetta sinistra radicale, una certa (condivisibile) soddisfazione per il superamento in corso, fra i giovani stessi, della dicotomia Destra/Sinistra tenuta in vita artificialmente per favorire la riproduzione sistemica, e forse la convinzione che si può “cambiare” il sistema agendo dal suo interno, accettando le sue regole – prime fra tutte quelle riguardanti la kermesse elettorale e la rappresentanza – cosa nella quale, invece, io non credo assolutamente.
Ma è inutile che in questo breve cappello io riesponga le mie tesi sull’antagonismo, o che chiarisca ancora il mio pensiero a riguardo di Grillo, grillini e M5S, e quindi lasciamo spazio a Cesare Allara.
Buona lettura Eugenio Orso   UN’OFFERTA SPECIALE Note sul Movimento 5 Stelle                 In Italia, oggi, nel 2012, c’è una nuova Santa Alleanza, una riunione di tutti i partiti della Seconda Repubblica in una caccia contro uno spauracchio mostruoso, lo spettro del grillismo.
Il successo del M5S nella recente tornata elettorale amministrativa ha agitato le acque stagnanti e maleodoranti della politica italiana.
            Come mai questa vittoria del M5S ha seminato il panico nelle forze politiche, in particolare in quelle di “sinistra”? Va detto preliminarmente che vi è stata sino a qualche mese fa una generale sottovalutazione del fenomeno.
Nel primo VDay del 2007 a Bologna, un [...]

Leggi tutto l'articolo