UN PRINCIPE POETA

Antonio De Curtis coltivò per vari anni la passione per la poesia. Le tematiche affrontate sono le più varie: l’amore, le ingiustizie sociali, i paradossi della vita e della morte, e mostrano uno stretto legame con la tradizione lirica napoletana.Il suo personaggio Totò, insomma, era un altro. Quello che andava in scena, pronto quando il regista gridava ciak. Però poi c’era un ulteriore lato della sua personalità, oltre il set, lontano dal teatro. Il Totò intimo, che affidava una malinconia esistenziale, lo sgomento d’amore per una donna, la nostalgia per la lontananza da Napoli, le riflessioni sulla morte, alla pagina, componendo poesie, versi scritti su foglietti o dietro i pacchetti di sigarette, le immancabili Turmac. Nel 1964 fu pubblicata, dall’Editore Fiorentino di Napoli, ’A livella, raccolta che si arricchirà, in occasione del decennale della morte di Totò, di un corpus di liriche d’amore dedicate all’amata Franca Faldini.

Le canzoni scritte da Totò: Baciami ,cantata dal gr...

Leggi tutto l'articolo