UN WE PER FARE PACE

In settimana S si è fatto male in moto.
Niente di grave, solo una contusione muscolare ma ovviamente il we over 4000m è saltato.
Sab di coccole periò.
La mattina a far l'amore e ancora e ancora perchè avevo bisogno di sentirlo mio e di sentirmi desiderata.
Al pomeriggio invece sono andata a lavorare: dovrò fare un monumento alla mia collega che ha accettato di cambiare il turno più o meno all'ultimo momento permettendomi di liberarmi il prossimo.
Domenica invece, in barba al medico che gli aveva dato 2 settimane di stampelle, siamo andati in Lessinia in moto.
Partenza da Soave dove merita una visita il castello scaligero dal giardino incolto ma con splendidi soffitti a cassettoni e che regala una bella vista sui monti lessini dal mastio.
Ci si dirige quindi a Bolca con il museo dei fossili, poi a S.
Giorgio tra queste alture verdeggianti (chiamarle montagne per me è un po' eccessivo) dove d'inverno corre una lunga pista da fondo e quindi al passo delle Fittanze dove una discesa vertiggionosa precipita su Sdruzzinà, poco distante da Ala.
Si percorre un tratto di SS verso sud fino a Peri dove una ripida salita ci riporta sull'altopiano a poca distanza di Molina.
Qui si trova il parco delle cascate dove abbiamo trascorso la fine del pomeriggio a passeggiare tra marmitte dei giganti e cascatelle.
Infine cena a S.
Giorgio di Valpollicella in una trattoria storica con una bella terrazza ombreggiata da una vite da dove si vedeva anche il lago, a base di tagliolini al tartufo e gelato con marasche.
Ottimo anche se un po' caro.
Cosa ho provato? Che S è sempre lui.
Che mi piace stare abbracciata a lui in moto mentre il paesaggio ci sfreccia di fianco e il nastro d'asfalto scorre veloce sotto le ruote, accompagnata dal rombo del motore.
Ma che questo nn significa che tutto è come prima.
Credo che se l'amore nn è in discussione, le cicatrici me le porterò addosso per un bel po'.
Forse è stato un mio errore, l'avevo idealizzato troppo, ma fa dannatamente male lo stesso.
Tuttavia ci si rialza e si va avanti, cercando di nn pensarci e di ritrovare un motivo per sorridergli.
Che di motivi in realtà ce ne sono tanti.
In FOTO (MIA): poesia trovata nel parco di Soave che S.
mi ha dedicato

Leggi tutto l'articolo