UNA CHAT INTERNA ?

UNA CHAT INTERNA ?
E che diavolo significa, che ora i carabinieri hanno la possibilità di fotografare o videoregistrare nelle proprie sedi  degli arrestati in manette o il complice di un assassino bendato solo per trasferirsi le foto tra di loro come se fossero le foto della vacanza o delle scarpe nuove ? E poi, qual è la necessità di dover far girare all’interno del circuito di Wats App una foto che in teoria dovrebbe essere riservata specie se scattata in un ufficio di una caserma militare ? Anche perché la foto in manette, dell’amico bendato dell’assassino del nostro carabiniere Mario non credo possa essere argomento di discussione tra colleghi quando le indagini per omicidio sono in corso.
Ho l’impressione che questa della foto su Whats App sia una bufala in grande stile, utile per prendere in giro l’opinione pubblica, sì, perché divulgare solo dopo oltre un mese la motivazione dello scatto e giustificarlo ? Rammento a tutti che il comandante dell’arma stesso si irritò notevolmente...

Leggi tutto l'articolo