UNICEF: EMERGENZA BAMBINI IN KENYA

L’Unicef chiede 6,6 milioni di dollari per interventi immediati a tutela dell’infanzia, sono necessari interventi di emergenza nel territorio keniota dove gli sfollati hanno superato la quota di 300 mila, di cui la maggior parte donne e bambini.
La sicurezza precaria nel paese provoca gravi disagi soprattutto per ragazze e bambine, difatti vi è stato un moltiplicarsi delle denunce per stupro.
Le condizioni nei campi profughi sono tragiche, le condizioni igieniche pessime, è necessario attuare politiche di prevenzione alle malattie contagiose tra i bambini, come la distribuzione del vaccino contro il morbillo.
Bisogna occuparsi anche della depurazione delle falde acquifere attraverso l’erogazione delle compresse di cloro per la potabilizzazione dell’acqua.
Le consegne dei generi alimentari ai campi sono impedite o ostacolate  da blocchi stradali illegali che permettono il lasciapassare solo ai mezzi scortati dalla polizia.
Insomma la popolazione keniota sta continuando a subire la crisi politica post-elettorale, i bambini sono le prime vittime sia a livello mentale che fisico.
L’Unicef sta cercando di dare una mano anche per permettere la frequentazione delle scuole primarie, ma se le case continuano e bruciare e il bilancio dei morti a salire, sarà molto difficoltoso ricreare un ambiente sicuro.
Intanto i leader, Odinga e Kibaki, assieme a Kofi Annan ed il suo team si sono rinchiusi oggi in una località segreta, lontano dai giornalisti, per continuare il dialogo che porterà alla risoluzione della crisi entro al massimo le 72 ore…così ha dichiarato l’ex segretario generale dell’Onu.
Un vero blackout delle news internazionali e nazionali per evitare che agenti esterni possano influenzare i due leader nelle decisioni.
Chissà se durante i colloqui Odinga e Kibaki penseranno alle migliaia di bambini che in questo momento stanno pagando i loro errori? Fonti: http://www.nationmedia.com/dailynation/nmgcontententry.asp?category_id=1&newsid=116670 http://www.unicef.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/4050    

Leggi tutto l'articolo