UNIONI CIVILI - Legge Cirinnà … in che cosa consiste esattamente?

L’Aula del Senato ha votato ieri la fiducia al governo sul disegno di legge che disciplina le unioni civili omosessuali.
I sì sono stati 173.
I no 71.
 Il testo passa ora all’esame della Camera. Il disegno di legge contava sulla carta sul sì dei 111 senatori Pd (il presidente del Senato per prassi non vota), su poco meno di una trentina di centristi (6 senatori di Ap, in dissenso dal gruppo, non hanno votato la fiducia: tra questi Maurizio Sacconi, Roberto Formigoni,  Gabriele Albertini) sul gruppo delle Autonomie 19 senatori e su alcuni senatori del Misto.
Anche 18 senatori verdiniani di Ala su 19 hanno votato la fiducia al governo.
Senza questi voti il governo avrebbe avuto solo 155 voti e non i 161 necessari per promuovere la legge. Il ministro della Giustizia  Andrea Orlando ha detto:  «Il voto di Ala alla fiducia non significa un ingresso in maggioranza».
Non hanno votato la fiducia le forze di opposizione: M5s, Forza Italia, Lega e Fdi.
I senatori del Movimento 5 stelle non hanno partecipato al voto e sono usciti dall’Aula.
Costoro sono utili come dei gambi di sedano al posto dei remi su una barca in balia di forti onde! Via la stepchild adoption e l'obbligo di fedeltà.  Sono queste le scelte ''poco felici'' e cavalcate beceramente dall'opposizione -  del maxiemendamento al ddl sulle unioni civili per le coppie omosessuali sul quale il governo ha messo la fiducia.
Renzi:  Abbiamo legato la ''permanenza in vita'' del Governo ad una battaglia per i diritti mettendo la fiducia.
Boschi: ''Oggi approviamo la legge sulle ''unioni civili al Senato'' e quella sul ''Conflitto di interessi alla Camera''.
Difficilmente in altre legislature lo stesso giorno si sono affrontati testi tanto importanti .
Stiamo cercando di recupere il tempo perso in passato ...
Mò vediamo che cosa dice questa legge approvata in Senato ieri ...
1 - L'unione civile tra persone dello stesso sesso viene definita ''specifica formazione sociale''.
Rispetto al testo iniziale viene messo nero su bianco il riferimento agli articoli 2 e 3 della Costituzione che riguardano appunto le «formazioni sociali».
Un passaggio fatto per rafforzare la distinzione tra unioni civile e matrimonio disciplinato invece dagli articoli 29-30-31 della Costituzione.
Perché si costituisca l'unione civile, gli interessati o le interessate, maggiorenni, devono dichiararla alla presenza di due testimoni presso l'ufficiale di stato civile, che deve provvedere a registrarla nell'archivio dello stato civile.
2 - Rispetto alla prima versione approdata in Aula, nel [...]

Leggi tutto l'articolo