UNIVERSITA': «Prof di urbanistica? Maestri e filosofi»

È quanto sostenuto da un candidato «escluso», Alessandro Rizzo, architetto e dottore di ricerca, in un ricorso al Tar della Toscana.// FIRENZE - Alla facoltà di Architettura di Firenze una docenza annuale di urbanistica è stata affidata a un laureato in filosofia e a un poeta-insegnante di scuola elementare specializzato in «paesologia», che non hanno «i requisiti richiesti dalla legge, dal regolamento e dal bando» pubblicato per individuare i professori.
È quanto sostenuto da un candidato «escluso», Alessandro Rizzo, architetto e dottore di ricerca, in un ricorso al tar della Toscana.
Il bando, assegnato in base alla valutazione dei titoli dei candidati, era per due cattedre, da 48 ore ciascuna, per insegnamenti in materia di urbanistica.
Nel ricorso, presentato con gli avvocati Maria Beatrice Pieraccini e Maurizio Dalla Casa, Rizzo spiega che uno dei vincitori «è laureato in filosofia» e «ha conseguito un dottorato di ricerca» con una tesi su Heidegger ed Hegel.Si tratta di un corso di studi e di una specializzazione, spiegano i due legali, che «non sono in alcun modo riconducibili alla materia dell'urbanistica, ma neanche, più in generale, all'Architettura».
L'altro vincitore, aggiungono i due legali, «non è neppure laureato, essendo un insegnante di scuola elementare» e «per quanto possa essere grande la sua cultura o la fama (la sua specializzazione è la paesologia, ovvero una disciplina compresa fra il territorialismo e l'espressione poetica)» è «impensabile che la laurea non costituisca un requisito minimo per l'accesso alla docenza universitaria».
Questa «lacuna», ricordano gli avvocati, è stata «notata» anche dal preside della Facoltà, quando è stato chiamato a rispondere a un reclamo dell'architetto escluso.
Nel ricorso si spiega che proprio per questo la commissione giudicatrice si è riunita di nuovo e che ha confermato «la graduatoria», affermando che l'opera dell'insegnante «vasta e di lungo corso, in poesia, in fotografia e filmografia, ha ormai un riconoscimento nazionale presso poeti, scrittori, artisti, giornalisti, registi nonchè docenti universitari».Redazione Online//

Leggi tutto l'articolo