UOMINI IMPORTANTI E ANTICOMUNISTI

TANGENTI AL MOSE DI VENEZIA l'ex Ministro berlusconiano, Giancarlo Galan, in virtù del voto della Camera dei Deputati con 395 su 535 presenti a favore del suo arresto, passata la sua prima notte da carcerato, la prima cosa che ha detto: MI HANNO TRADITO.
Sul fatto che sia stato Lui ad aver tradito gli elettori e il Paese per essersi appropriato indebitamente di max tangenti e max stipendi pubblici, non né fa cenno.
Il suo avvocato, Antonio Franchini, non gli è da meno: Oggi la Camera dei deputati ha scitto una pagina preoccupante sul piano dei diritti.
In pratica, per l'avvocato di Galan, il Parlamento, avrebbe negato ingiustamente il diritto a restare libero e impunito uno dei suoi tanti ladroni ci siedono indegnamente.
Questo è il concetto che hanno delle istituzioni democratiche  e in particolar modo di quella della giustizia i cosiddetti rappresentanti del liberismo e capitalismo italiano.
E pur sapendo che se al posto di Galan ci fosse stato un italiano semplice e popolare, non ci sarebbe stato bisogno di alcun voto Parlamentare per essere arrestato in tempo reale.

Leggi tutto l'articolo