Ugo Foscolo - opera omnia - dell'origine e dell'ufficio della letteratura - letteratura italiana

I.
Solenne principio agli studj sogliono essere le laudi degli studj; ma furono soggetto sì frequente all'eloquenza de' professori e al profitto degl'ingegni, che il ritesserle in quest'aula parrebbe consiglio ardito ed inopportuno.
Nè io, che per istituto devo oggi inaugurare tutti gli studj agli uomini dotti che li professano e ai giovani che gl'intraprendono, saprei dipartirmi dalle arti che chiamansi letterarie, le sole che la natura mi comandò di coltivare con lungo e generoso amore, ma dalle quali la fortuna e la giovenile imprudenza mi distoglieano di tanto, ch'io mi confesso più devoto che avventurato loro cultore.
Bensì reputai sempre che le lettere siano annesse a tutto l'umano sapere come le forme alla materia; e considerando quanto siasi trascurata o conseguita la loro applicazione, mi avvidi che, se difficile è l'acquistarle, difficilissimo è il farle fruttare utilmente.
Sciagura comune a tanti altri beni e prerogative di cui la natura dotò la vita dell'uomo per consolarla...

Leggi tutto l'articolo