Un'influenza con i fiocchi

Perché non sembra ma il dramma di una settimana da incubo si materializza con 4 parole biasciate con la stessa lentezza con cui ci si sposta dalla 4* alla 5*stazione della Via Crucis il giovedì Santo " amore, ho la febbre".
Deambulatore pronto, pile di antidolorifici, antinfluenzali, sciroppo, termometri, fazzoletti.
118 allertato.
Il divano per non perire di ciò che potrebbe accadere decide, in modo autonomo, di creare una buca nella parte centrale per accogliere il febbricitante nei giorni a venire.
Ma il vero dramma si consuma in cucina.
Nell'indecisione se chiamare il Coroner o l'Fbi per identificare le cause del raffreddore , il frigorifero scende di livello ogni 15 minuti, perché a pancia piena si guarisce prima.
Temo per l'incolumità di qualsiasi alimento, che avrà una vita assai breve.
Il baratro si raggiunge quando si arriva a ipotizzare di cucinare lo zampone con le lenticchie del pacco aziendale di Natale datato 2014, sopravvissuto anche a un trasloco.
È proprio in quest'occasione che si verifica la necessità di impostare l'iban dell' Esselunga quale beneficiario dello stipendio.
E quindi eccoci , di sabato pomeriggio con una pioggia torrenziale a fare la spesa.
Abbigliamento totalmente inidoneo che già mi ghettizza dalle altre portatrici di carrello.
Cappottino beige, giacchina stile English very very pissera e stringatina bicolore.
Neanche dovessi andare da William&Sonoma sulla Broadway.
Questo look autorizza in modo del tutto giustificato, il sorpasso con occhio beffardo  da parte della casalinga disperata con tre bambini urlanti, alla cassa.
E sto pure zitta, c'ha ragione lei.
La signora ha un carrello bellissimo, che farebbe innamorare anche un fruttariano amante di mele cotogne marce da giorni sotto il sole cocente dell'Alabama.
Una sinfonia di marche e colori, detersivi dalle confezioni fotoniche che mi fanno voglia di lavare anche lo zerbino del mio vicino di pianerottolo.
Biscotti, pizze e un'immensità di barattoli.
In un minuto mi vedo col grembiule di Cracco a sfornellare qua e là come Cenerentola e i topolini ai tempi d'oro.
La magia finisce alla cassa.
Lei carrello straboccante totale spesa €71 e 96 punti fragola, io, giusto il carrellino a mano con €109 di spesa e 33 punti.
Le figurine le vuole? No grazie se le porto  a casa corro il rischio di iniziare a collezionare anche quello.
Tempo stimato di permanenza al supermercato sempre i soliti 18 minuti sia che vada a comprare una cassa d'acqua sia che faccia la spesa per il pranzo di Natale per un plotone di boy scout in rientro dai [...]

Leggi tutto l'articolo