Un Pedro Sanchez che prenda voti al Pd manca.Come in SPAGNA! PRIMA L'HANNO BRUCIATO,ORA RIVALUTATO,IN ITALIA L'HANNO BRUCIATO E QUEL CHE RESTA ESTROMESSO,QUESTO LEADER SI CHIAMA MATTEO RENZI. .E PRETENDONO DI RINASCERE.

 

La pedissequa banalità è dire, oggi, guarda in Spagna come sono riusciti far rinascere la sinistra. Non va mai bene accalappiare modelli stranieri e importarli da noi convinti degli effetti taumaturgici. Tra l'altro, sa di periferia provinciale, strausata. Allora perché diciamo che Pedro Sanchez, il leader del partito socialista spagnolo è un esempio valido per rimettere in piedi il Pd italiano? La scienza politica ci interessa poco perché il caso iberico, e del suo leader in particolare, è totalmente assimilabile alla parabola su e giù di Matteo Renzi.
Ricordate la fotografia dei leader progressisti in camicia bianca alla Festa dell'Unità di Bologna del 2014? Fu definito il patto del tortellino o in clima di serietà regimental, fu stretto un vero e proprio patto generazionale. Renzi era al massimo della popolarità. E dopo quella istantanea conobbe una progressiva discesa. Lo stesso fu per Pedro Sanchez, che poi si dimise da segretario dei socialisti e anche da deputato per la ''...

Leggi tutto l'articolo