Un sogno realizzato

Questa sera finalmente esco con Elena.
L'ho conosciuta su libero qualche settimana fa e dopo diversi messaggi e videochattate abbiamo deciso di uscire assieme.
Elena è una splendida donna, il suo viso è meraviglioso e ha uno sguardo che mi fa sciogliere ogni volta che mi guarda.
Per non parlare del sui corpo.
Ha un corpo statuario e il suo seno è prorompente a tal punto da farmi perdere la testa.
Suono al campanello di casa sua e mentre aspetto che scenda penso alla sorpresa che le farò.
Elena ha un sogno segreto: Questa sera lo realizzerà, con me.
Sento aprirsi la porta ed eccola arrivare.
È meravigliosa nel suo vestitino nero semi trasparente che lascia poco spazio all'immaginazione a tal punto da notare che non indossa l'intimo.
Le sue gambe lunghe e sinuose nei collant neri e le scarpe col tacco 14 le danno un'aria estremamente provocante.
-ciao Luca.- mi dice sorridendo e lanciandomi un'occhiata che mi fa eccitare.
-sei meravigliosa.- le rispondo prendendola per mano e accompagnandola in auto.
Apro la portiera e la faccio accomodare sul sedile del lato passeggero.
La mia dea accavalla le gambe e mi fissa mangiandomi con gli occhi mentre mi metto al posto di guida.
Mentre ci avviciniamo al suo sogno sento che l'aria si fa elettrizzante.
Appena arrivati parcheggio l'auto e mi appresto a fare scendere Elena.
Tutti devono ammirarla e mangiarla con gli occhi.
Appena scende dall'auto diversi uomini si fermano a fissarla, lei compiaciuta sorride.
-non ci credo!- esclama raggiante fissando insegna del cinema.
-mi hai portato al cinema!- aggiunse abbracciandomi e baciandomi infilandomi la lingua in bocca.
Scosso dal piacere accolgo la sua voglia e ci baciamo non curanti di chi ci sta vicino, anzi.
Prendiamo due biglietti e noto lei che si appoggia al bancone allargando leggermente le gambe e sollevando il vestitino lasciando scoperto il sedere.
Mi volto e guardo divertito le facce con la bava alla bocca degli uomini dietro di noi.
Entriamo nella sala che non ha ancora tirato giù il vestito, probabilmente non ne ha la minima idea di coprirsi e vuole che il suo sogno sia come ha sempre desiderato nelle sue perversioni più estreme.
Ci sediamo alla nostra fila.
Elena ha deciso di prendere i due posti in mezzo alla sala.
Ma questo cinema è particolare, è un cinema a luci rosse e tra una fila e l'altra ci sono quasi due metri per permettere a chi lo frequenta di godersi ogni scena in libertà.
La mia donna si guarda intorno vogliosa.
CONTINUA SU http://www.ewriters.it/leggi.asp?W=78206

Leggi tutto l'articolo