Un viaggio...

"Un viaggio, se non contribuisce a portarti da qualche parte è inutile." Seduto su uno scoglio in faccia al mare il matto parlava, perduto nel guardare un granchio che si trascinava curioso di pozza in pozza "Un viaggio, finchè rimane fine a se stesso, è solo uno spostarsi, nel tempo, e magari nello spazio, ma assolutamente inutile al suo scopo perchè alla fine del viaggio ti ritroverai nello stesso luogo di partenza, più vecchio, ma senza le risposte che andavi cercando, e con minor tempo a disposizione per cercarle ancora.
Ogni viaggio è anche un viaggio nel tempo, ed il tuo tempo non è illimitato, quindi un viaggio, per essere funzionale al suo scopo deve portarti in un luogo diverso da quello di partenza.
E non c'è un solo modo di viaggiare.
Chi sa dove vuole andare, chi ha una meta definita sceglierà il mezzo più veloce perchè per lui il viaggio sarà solo un ostacolo frapposto tra se ed il suo obiettivo.
C'è invece chi non ha una meta, ed allora è inutile per lui scegliere aerei o treni a lunga percorrenza, non conoscendo la destinazione finale, nell'attimo in cui si manifesta la consapevolezza, può ritrovarsi lontanissimo dalla meta, e senza più il tempo, o i mezzi per raggiungerla.
Ed allora se non sappiamo dove ci condurrà il nostro viaggio, conviene partire a piedi, uno zaino leggero in spalla, che riempiremo giorno dopo giorno di paesaggi, di volti, di incontri, di parole e di emozioni.
E per non far si che il viaggio sia inutile, svuoteremo lo zaino nelle tasche delle persone che incontreremo, per riempirlo nuovamente, e poi svuotarlo ancora.
Ed un giorno, quando l'ultima consapevolezza ci illuminerà con la sua luce, e noi saremo ancora in cammino, nelle tasche di chi ci ha incontrato rimarrà sempre un qualcosa di noi.
Ed il nostro viaggiare non sarà stato invano." Alex - dialoghi con il matto

Leggi tutto l'articolo