Una bella discussione con don Aldo Antonelli

 Caro don Aldo, ti ringrazio per il bel testo che mi hai inviato.
L'ho letto attentamente e concordo pienamente con esso: lo sottoscrivo dalla A alla Z.
Detto questo, però, non dobbiamo cadere in facili entusiasmi e non renderci conto delle difficoltà che la cultura laica e secolarista procura alla fede in Dio (come vedi, ho detto "fede", non "religione").
Caro don Aldo, sei troppo intelligente e di buone letture perché tu non ti sia accorto che in Italia, come in Occidente, esiste una potentissima lobby, chiamiamola così, laico-secolarista che vuole cancellare dal cuore e dalla mente degli uomini l'idea di Dio.
L'errore che fate, voi preti cosiddetti di "frontiera" è che non siete più capaci di distinguere gli "avversari" e gli "amici".
Vedi, ho detto "avversari" e non "nemici", perché di questo si tratta: di persone che col loro pensiero sono in netta concorrenza con un pensiero che si apre al Trascendente.
Questa potentissima lobby, caro don Aldo, non vuole assolutamente "purificare" la Chiesa e la fede dalle sue strutture sacrali e di potere; questa potentissima lobby vuole cancellare la Chiesa e la fede, presentandole come strutture mentali da "minorati", che col tempo, avanzando e perfezionandosi il progresso scientifico, cadranno da sole.
Caro don Aldo, l'ho detto anche a don Farinella, prova a a proporre a "Micromega" non i soliti articoli sul Papa, su Bertone e su Bagnasco, ma un"forum" con Telmo Pievani in cui tu, sacerdote cattolico credente in un Essere Trascedente, vuoi dare spiegazioni e ragioni della "speranza che è in te".
Prima devi vedere se te lo fanno fare, poi se te lo fanno fare, ti succederà sicuramente quello che è successo al povero Vito Mancuso che nel numero speciale di "Micromega" sui 150 anni dalla pubblicazione de "L'origine delle specie" è stato "massacrato" e ridicolizzato, presentato praticamente come un "residuato medievale" che ancora ha il coraggio e la pretesa di credere in Dio.
E come Pievani ragionano così Flores D'Arcais, Augias, Odifreddi, Scalfari, Dawkins, Onfray e tanti altri che, ti assicuro, avendo studiato i loro testi, non vogliono assolutamente dialogare con i credenti, ma solo "combatterli" e ridicolizzarli.
Io non contesto che voi facciate una "battaglia" per rendere più credibile il messaggio di Gesù ed attacchiate certi comportamenti chiesastici che non rispecchiano l'ideale evangelico.
Ci mancherebbe altro! Per questo io vi ammiro! Quello che contesto è la vostra "ingenuità" ideologica, il non accorgervi che i vostri compagni di strada non vi [...]

Leggi tutto l'articolo