Una nuova cura per l'endometriosi. La speranza per 3 milioni di donne in Italia

In Italia, l'endometriosi colpisce 3 milioni di donne, soprattutto tra i 25 e i 34 anni.
Nel Lazio, una donna su 10 soffre di questa patologia invalidante.
Quasi 300mila pazienti, costrette in certi casi ad aspettare fino a dieci anni per ricevere una diagnosi corretta.
Vivono una quotidianità  segnata da dolori mestruali fortissimi e rapporti sessuali praticamente impossibili.
Il 79% ha ripercussioni sul lavoro. Ma oggi la ricerca è in grado di offrire loro un aiuto importante: si chiama dienogest ed è la prima terapia orale specifica approvata per la malattia.
"E' una molecola caratterizzata da profili di tollerabilità  e sicurezza che ne permettono l`impiego a lungo termine.
Un progestinico in grado di ridurre il dolore e la sintomatologia.
Erano vent`anni che aspettavamo questa rivoluzione.
Infatti, l'endometriosi è una patologia molto invalidante", spiega il prof.
Giorgio Vittori, Past President della Società  Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) durante il Sanit, il 10° Forum internazionale della salute di Roma.
"Le Società  Scientifiche e le Associazioni di pazienti già  nel 2005 avevano proposto al Parlamento italiano di includerla tra le malattie di interesse sociale, perché non riguarda solo la qualità  della vita, ma tocca problematiche ben più ampie.
E' una delle più diffuse cause di infertilità: ne è colpito il 30% delle donne che non riesce a procreare", prosegue Vittori.
"Una situazione che aggrava un dato già  allarmante: nel nostro Paese registriamo ogni anno 250mila nascite in meno di quelle necessarie per mantenere la curva della previdenza sociale.
In un momento nel quale il tasso di fecondità  é così basso, é evidente come l'endometriosi diventi una questione nazionale.
Per fortuna, nel 2012 la malattia é stata aggiunta nelle tabelle di invalidità", sottolinea.
L'endometriosi é una patologia dovuta alla presenza di tessuto endometriale al di fuori della sua sede naturale, l'utero, che migra in altre sedi del corpo determinando lesioni locali.

Leggi tutto l'articolo