Una pizza alla margherita e una alla diavola

E` stato il contenuto del pranzo.
Elena voleva andare a mangiare la pizza da un po’ di tempo e abbiamo scelto proprio oggi perche` la sentivo un po’ troppo sotto pressione per gli esami di fine quadrimestre.
Ero un po’ preoccupato per li tempo perche` alla tv avevano avvertito che ci sarebbe stato un acquazzone anche nella regione del Kansai cosi ieri sono rimasto con le dite incrociate.
Questa mattina il cielo era nuvoloso e pioveva a tratti anche molto forte ma non era nulla di allarmante.
Arrivati alla pizzeria Elena ha subito deciso di mangiare tre pizze, ma essendo vegetariano e non mangiando altro che verdura a ogni pasto sono riuscito a convincerla a ordinare una diavola e una margherita.
La pizzeria in cui siamo andati e` gestita da un amico di nome Yuki e aiutato dalla moglie Saki e da un amico Yusuke.
Sono tutti giovani, con la passione per la pizza e per Napoli .
Conoscono la situazione in cui mi trovo e mi fanno sempre trovare un posto libero anche se la pizzeria ha soltanto 4 tavoli e un banco da 6 persone.
Sono dei tesori!! Come previsto, la pizza alla diavola era piccante e Elena, con in mano il bicchiere di acqua, ripeteva “e` piccante ma e` buonissima”.
Verso la meta` della seconda pizza sia lei che io eravamo sazi ma mi sono fatto forza ricordando i momenti delle pizzate con gli amici e anche con la famiglia alla pizzeria del ghetto di Venezia, siamo riusciti a finirla.
Ed e` arrivato il momento del dolce.
“ Allora prendo un gelato” sono state le parole a cui all’inizio non potevo credere.
Dopo aver mangiato molto, aver detto che non riusciva piu` a mangiare nulla la vedo sorridente, con gli occhi smaglianti, guardare il menu dei dolci.
Due palline di gelato al cioccolato si sono presentate eleganti con un ciuffetto di menta davanti a Elena che ha subito infierto togliendo la menta e mettendola sul bordo del piattino sottostante alla tazzina con il prezioso contenuto.
In mano le si e` materializzato un cucchiaio-cucchiaino e da li` ha cominciato a scavare e ingoiare o meglio assaporare.
A tratti le si vedeva un rivoletto di cioccolata spuntare dalla parte sinistra della bocca subito risucchiato o pulito con la salvietta.
Che Elena sia andata in pizzeria per mangiare il gelato e non la pizza e` un fatto a cui devo dare ancora risposta.
Mentre mangiavamo c’erano tre madri con i relativi figli che correvano su e giu` per la pizzeria.
I bambini avranno avuto circa 5 anni, con le scarpe che si accendevano a ogni passo e con lo sguardo da furfanti bonari guardavano verso Elena un po’ [...]

Leggi tutto l'articolo