Una vita intera vissuta con un corpo a metà

  Lui si chiama Kenny Easterday ed è stato soprannominato "l'uomo a metà": soffre infatti da bambino di una rarissima malattia, chiamata agenesia sacrale, a causa della quale ha sviluppato soltanto la parte superiore del suo corpo.  Kenny, 35 anni compiuti da pochi mesi, vive in West Virginia, negli Stati Uniti, e nonostante l'assenza degli arti inferiori (amputati quando aveva soltanto sei mesi), ha sempre rifiutato ogni tipo di protesi, imparando addirittura a camminare sulle mani e ad usare lo skateboard.  I medici gli dissero che non sarebbe sopravvissuto ai 21 anni di vita, e invece Kenny gioca a biliardo e bowling, lavora ed ha una fidanzata, e a 35 anni si sente più in forma che mai.  Intervistato in occasione di un documentario sulla tv americana, il ragazzo ha detto di voler a tutti i costi inseguire un sogno, avere un bambino.
"Vorrei un figlio che porti il mio nome, qualcuno che sia fiero di dire 'Questo è il mio papà' - ha detto Kenny - Ho ancora poco tempo, sarei dovuto morire già prima dei 21 anni e ora ne ho 35".
Kenny era già molto conosciuto negli States poiché nel 1988 ha recitato in un film, The Kid Brother, sulla sua vita: all'epoca aveva solo 14 anni.
 

Leggi tutto l'articolo