Uomini e Donne, quanto guadagnano Tina Cipollari e Gianni Sperti

Quanto guadagnano Tina Cipollari e Gianni Sperti? Ormai da anni gli opinionisti sono due volti fissi della trasmissione Uomini e Donne.
Nel corso degli anni la vamp e l'ex ballerino hanno animato le puntate del programma di Maria De Filippi, dando vita a momenti comici e intrighi, il tutto a favore di ascolti altissimi.
Dal caso Sara Affi Fella all'amore fra Gemma e Giorgio Manetti: Gianni e Tina sono sempre pronti a scoprire inganni, scatenare dibattiti e - perché no - a commuoversi di fronte ad un nuovo amore che sboccia negli studi di Uomini e Donne.
Se la trasmissione è un successo il merito è anche loro e Mediaset sembra comprenderlo appieno, visto che gli garantisce un cachet di tutto rispetto.
Per ogni puntata della trasmissione infatti Tina Cipollari e Gianni Sperti guadagnano fra i mille e i 2mila euro, portandosi a casa uno stipendio mensile che oscilla fra gli 8mila e i 16mila euro.
Classe 1965, Tina Cipollari deve la sua fama proprio a Uomini e Donne.
Ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo dello spettacolo grazie a Maria De Filippi, che da subito rimase colpita dal suo atteggiamento da "vamp".
Fu lei a corteggiare il primissimo tronista, Roberto, salendo poi a sua volta sul trono.
Irriverente, simpatica e senza peli sulla lingua: Tina è diventata l'anima dello show, sempre pronta a dire la sua e a scontrarsi con Gemma Galgani, sua acerrima nemica.
Nel 2003 ad affiancarla arriva Gianni Sperti e il feeling è immediato.
I due diventano amici e confidenti anche fuori dagli studi televisivi, nonostante ciò non esitano a litigare nel corso delle puntate, sostenendo i corteggiatori e i tronisti preferiti.
“Maria De Filippi è stata persona che più mi ha supportato dopo la fine del mio matrimonio - ha raccontato qualche tempo fa l'ex ballerino -.
In quel periodo, dopo il divorzio, tornai a Buona Domenica e cominciai a lavorare a Uomini e Donne.
Ero in un brutto periodo, non credevo più in me stesso“.
Tina Cipollari e Gianni Sperti - Fonte: Facebook

Leggi tutto l'articolo