VALERIO E LA CANZONE DEL CUORE racconto (606) di Dino Secondo Barili

Intrigo … …a Pavia (Questestorie, anche se raccontate come vere, sono  frutto di fantasia.
Pertanto non hanno nulla ache vedere conpersone o fatti realmente avvenuti) racconto del giorno 606 Valerio e la canzone del cuoreLa Primavera è la stagione delleattese.
Chi più, chi meno… tutti attendono qualcosa dalla Primavera.
Un annofa, anche il Dott.
Valerio, cinquant’anni, bell’uomo, Dirigente di una AgenziaCommerciale di Milano, residente a Pavia, aveva le sue attese.
Essendo ancorasingle (non per volontà sua) aveva “una grande attesa”.
Non voleva, però, farecome la Primaveradell’anno prima quando aveva incontrato Brigida, una splendida quarantenne, laquale l’aveva circuito e illuso… per arrivare alla fine con un nulla di fatto.Si fa presto a dire “attese”… specialmente per un uomo.
Più gli anni passano(per un uomo) e più la scelta della donna ideale diventa difficile… se nonimpossibile.
In un primo tempo, la donna incontrata sembra la “soluzione ditutte le attese”.
Poi… dopo un po’ le attese si trasformano in miraggi… e tuttofinisce nel nulla.
Un anno fa, il Dott.
Valerio voleva andare con i piedi dipiombo.
Decise di consultarsi, prima di tutto, con il proprio Psicologo di fiducia.Qualche lettore dirà che è una cosa superflua, specialmente all’epoca diInternet… invece, no.
Lo Psicologo, secondo alcuni esperti, diventerà semprepiù indispensabile.
Lo Psicologo sostituirà il “confessionale” di cinquant’annifa… con una differenza.
Cinquant’anni fa, una persona si confessava e…“nonpagava nulla”.
Lo Psicologo, invece è un Libero Professionista.
Ha la partitaIVA.
Quindi deve fare la fattura … Di conseguenza deve essere pagato.
Un annofa, il Dott.
Valerio, non aveva problemi di denaro… l’importante era che loPsicologo fosse una persona seria.
Ascoltasse il problema…e desse un validoconsiglio.
Quando il Dott.
Valerio entrò nello Studio del Dott.
Felice c’era unsilenzio di tomba.
Proprio il luogo ideale per dare sfogo alle propriepreoccupazioni.
Il Dott.
Felice, dopo aver ascoltato, emise la sua sentenza.“Caro Valerio.
Noi ci conosciamo da parecchi anni.
Ormai, tu, per me, non haipiù segreti.
A cinquant’anni, un uomo desidera veramente “la donna dei sogni”…Sapessi come ti capisco.
La desidero anch’io che di anni ne ho sessanta… Ilproblema è incontrarla.
Nei miei lunghi studi in materia posso dirti che ognipersona è un caso a sé.
Per te, Valerio, c’è un sistema sicuro per incontrarela donna ideale…cantare” Il Dott.
Valerio fece un salto sulla poltrona sullaquale stava [...]

Leggi tutto l'articolo