VOCI DIMENTICATE

   Dall'albero solitariotra muri di cementoe rumori della città,arriva quasi scomparsoil frinire di una cicala, suono stridente e spensieratoche un tempo accompagnavadei mietitori fatica e sudore,mentre cantavano sotto il sole di estati ormai dimenticate.Sfiorano la mente ricordi, con riflessi sfocati di allegriaquando sul fico nel...

Leggi tutto l'articolo