Valentina Lodovini: «Voglio essere Jago» da Il messaggero

L'attrice parla del suo nuovo film "Passione sinistra" PER APPROFONDIRE  di Gloria Satta   ROMA - Lei idealista di sinistra, ecologista, radical chic.
Lui di famiglia ricca, qualunquista, arrogante.
Non si possono immaginare due tipi diversi sia sul piano umano sia su quello politico.
Eppure tra di loro, mentre infuria la campagna per l’elezione del nuovo sindaco di Roma, dopo il reciproco odio iniziale l’amore scoppierà irrefrenabile… E’ il tema del nuovo film di Marco Ponti “Passione sinistra”,liberamente ispirato al romanzo omonimo di Chiara Gamberale, nelle sale dal 18 aprile.
I protagonisti sono Valentina Lodovini, Alessandro Preziosi e nel cast figurano anche Vinicio Marchioni nel ruolo di uno scrittore velleitario, Eva Riccobono che fa una bella e svampita, Glen Blackhall nella parte di un inadeguato sindaco della Capitale.  Ai microfoni della web tv del Messaggero, Valentina Lodovini ci ha parlato del suo personaggio: «Niente di più lontano da me», ha assicurato ridendo l’attrice.
Più impegnata che mai tra set e palcoscenico, smentisce il fatto che il cinema italiano snobbi le protagoniste femminili: «Io, che lavoro tanto, sono la dimostrazione del contrario».  Ha avuto successo grazie alle commedie (“Benvenuti al Sud e “Benvenuti al Nord” innanzitutto) ma in questo periodo sta girando due film drammatici, “Il sud è niente” e “I milionari”.
Il suo sogno? «Interpretare Jago nell’Otello.
E intendo proprio Jago, non Desdemona».

Leggi tutto l'articolo