Valentino Rossi

Valentino Rossi (Urbino, 16 febbraio 1979) è un motociclista italiano, sette volte campione del mondo.
È l'unico pilota della storia del motociclismo ad aver vinto il titolo mondiale in 4 classi differenti: 125 (1), 250 (1), 500 (1) e MotoGP (4) (la classe che dal 2002 ha sostituito la 500), ed a vincere il titolo per due anni consecutivi con due marche diverse (Honda e Yamaha), insieme all'americano Eddie Lawson.
Tra i soprannomi più noti: The Doctor, Rossifumi e Valentinik.
  Nel 1995, a soli sedici anni, diventa campione italiano della classe 125, l'anno successivo esordisce nel campionato del mondo (sempre nella 125), ed ottiene la sua prima vittoria nel Gran Premio della Repubblica Ceca, a Brno, dopo aver conquistato anche la sua prima pole position.
Nel 1997 sempre nella 125, ottiene il suo primo titolo mondiale, gareggiando con l'Aprilia.
L'anno seguente, sempre su Aprilia, passa alla classe 250.
Dopo un primo anno di ambientamento, in cui nonostante molte cadute, riuscì ad arrivare 2° a poco più di 20 punti dal vincitore Loris Capirossi, nel 1999 conquista anche in questa classe il titolo iridato.
Il 2000 è l'anno del passaggio alla classe 500 e del cambio di scuderia.
Firma, infatti, un contratto con la Honda.
Il suo primo anno è frutto di molti errori, ma ancora una volta, nonostante questo, riesce ad classificarsi 2°, dietro a Kenny Roberts Junior.
Ma nel 2001, ultima stagione prima della sostituzione di questa classe con la MotoGP, arriva il terzo titolo iridato.
Sempre nel 2001, si cimenta nella prova più importante del Mondiale Endurance per le case giapponesi: la 8 ore di Suzuka, imponendosi assieme all'allora compagno di marca (e ufficiale Superbike Honda) Colin Edwards.
L'introduzione della nuova classe, nella quale tutti i piloti sono "esordienti", non costituisce problemi per Rossi, che riesce a imporsi fin dalla prima edizione (2002, dove la Honda era molto avvantaggiata rispetto alla concorrenza, avendo preparato la moto molto tempo prima) e a bissare il titolo iridato l'anno successivo (2003).
Nella stagione 2004 Rossi passa alla Yamaha; inizialmente la mossa solleva qualche perplessità perché la Yamaha è giudicata tecnicamente inferiore alla Honda, nell'arco della stagione precedente ha infatti ottenuto solo un terzo posto.
Rossi raccoglie comunque la sfida e porta con sé nel nuovo team alcuni elementi chiave della vecchia squadra, come il capotecnico australiano Jeremy Burgess.
Il risultato è una moto nettamente migliorata, con cui Rossi vince il motomondiale, a dodici anni di [...]

Leggi tutto l'articolo