Veltroni Addio.Ma le idee dove sono?.

Veltroni ha gettato la spugna; dopo le sconfitte elettorali, i vari distinguo da parte dell'apparato e degli altri leader del PD, di uno sforzo di sintesi che non e' arrivato all'elettorato, il primo segretario del neonato partito democratico passa il testimone.
Dalla conferenza stampa d'addio, come evidenziato da moltissimi commentatori presenti all'evento, probabilmente e' emerso piu' l'aspetto dell'uomo Veltroni, che finalmente e' riusciuto a togliersi di dosso un peso che stava diventando, a sentire le sue parole, pesante da gestire, piuttosto che il leader sconfitto di un partito allo sbando.
Poca chiarezza,infatti, riguardo al perche' le idee e la forza del PD si siano viste, in positivo, solo durante gli eventi delle varie primarie e della manifestazione tenutasi al circo massimo.
Ed e' proprio da questo aspetto che possiamo iniziare un ragionamento.
Ossia nel PD si sono scaricate le vecchie lotte di potere, e pertanto molto incentrate su aspetti personali, tra Dalemiani e Weltroniani, Diessieni e Margheritiani, Prodiani e neo centristi.
Insomma molte discussioni riguardo al passato, poche sui contenuti, leggi programmi e proposte, e sulla costruzione di una identità culturale.
Riguardo alla costruzione dell'identità si e' passati da una prima fase nella quale le persone rappresentati di una cultura riformista democratica potevano spaziare da Antonio Gramsci a J.F.
Kennedy; per approdare ad Enrico Berlinguer e Bettino Craxi.
L'ultima fase di questo percorso sul chi fosse il padre nobile del PD e'arrivata con un completo silenzio su chi potesse essere la sitentesi dell'incontro tra le diverse culture ed esperienze.
Ma gia' in questo "gioco" del pantheon emergono due incongruenze non superate.
Da una parte il fallimento spostanziale dell'incontro tra la cultura ex comunista e l'esperienza socialista, precisamente quella costruita durante la segreteria di Bettino Craxi.
In molti, forse, pensavano che l'unione delle esperienze e degli uomini della sinistra, che nel 2000 non facessero riferimento al comunismo, potessero beneficiare in modo taumaturgico del contenete, ossia del Partito Democratico.
Invece la nuova casa mostrava delle crepe, perche', a sua volta, l'incontro tra laici e cattolici e' in un momento di empasse se non adirittura concluso come percorso storico-culturale.
Su questo aspetto segnaliamo un articolo pubblicato nei giorni scorsi sul Corriere della Sera, http://www.corriere.it/editoriali/09_febbraio_15/galli_d9c1ca4c-fb36-11dd-aeff-00144f02aabc.shtml, nel quale si testimonia come la stagione [...]

Leggi tutto l'articolo