Vendola si ricandida

Scrive Nichi: "Oggi ho ufficializzato la mia candidatura alle prossime elezioni regionali.
Ho interrotto il giro di valzer con i partiti.
Da oggi tutti sono obbligati a giocare a carte scoperte.
Non c'è in gioco una carriera, la mia, c'è in gioco la qualità di una politica.
Ho scelto in questo momento di chiudere i giochi per quanto riguarda la mia persona.
I giochi si possono riaprire soltanto se qualcuno intenderà accettare la sfida delle primarie, in quel caso sarò disponibile.
Ma senza primarie deve essere del tutto chiaro che io correrò e correrò per vincere.
Non correrò per perdere, non correrò per testimoniare: farò l'ennesima sfida impossibile.
Ancora una volta, nel mio piccolo, Davide contro Golia, contro poteri giganteschi, forse.
Io penso a quei vecchietti che ho incontrato, a quelle vecchiette, nell’Appennino Dauno, poi sul Gargano che mi hanno detto 'Presidente non ci abbandonare!', o ai bambini che stamani hanno siglato con me un altro patto per il futuro, i bambini delle scuole a cui abbiamo regalato i diari sulla raccolta differenziata, a cui abbiamo prestato le cure.
Penso alle persone diversamente abili che per la prima volta hanno avuto una interlocuzione forte con una Regione capace di considerarli non dei problemi ma delle risorse, penso al completamento della costruzione di tutti gli impianti per i rifiuti, e potrei continuare all'infinito.
Penso alla protezione civile che finalmente abbiamo, un gioiello, mentre dieci anni di distrazione criminale della destra facevano della Puglia una terra preda delle fiamme o del fango.
Noi possiamo vantare un cambiamento straordinario nell’economia come nella rete dei servizi e dei diritti per i cittadini.
Io non posso farmi indietro perché significherebbe dire a tutte queste conquiste che forse potrebbero essere messe in discussione.
L’operato di questo governo è stata un’esperienza entusiasmante con la quale abbiamo cominciato a dare speranza alle città soffocate dall’inquinamento, alle persone prigioniere della precarietà o delle cosiddette esternalizzazione, ai bambini, alle donne e ai vecchi senza servizi sociali.
Voglio continuare.
Se penso che la rimozione di Vendola può significare bloccare il processo di stabilizzazione dei lavoratori precari, se penso che togliere Vendola può facilitare la costruzione di centrali nucleari in Puglia, o che togliere Vendola significa poter vendere l'Acquedotto Pugliese, allora devo rispondere che Vendola non ha un problema personale, non ha un problema di carriera.
Vendola è ospite dei suoi doveri [...]

Leggi tutto l'articolo