Venezia e le opere d'arte nelle scuole, scrigni preziosi di bellezza e tradizione.

La vivacità artistica popolare di Venezia è documentata dalla straordinaria ricchezza di opere d'arte nelle scuole e in particolare di pittura, scultura ed arte applicata.
In gran parte dei casi ci si deve riferire ad opere andate perdute o disperse rispetto alle indicazioni degli inventari conservati che elencano con gran cura tutti gli oggetti appartenenti alla scuola.
Le opere d'arte erano lungamente ricercate presso gli artisti ed erano frutto, molto spesso, delle economie di cui i confratelli si facevano partecipi mediante le decisioni del Consiglio direttivo  della scuola, decisioni  che puntualmente venivano segnate nei libri dei conti e nel catastico, spesso con i singoli contributi e le rateazioni.
La Scuola di S.
Giorgio degli Schiavoni  tra le minori, e quella di San Rocco tra le grandi hanno il raro privilegio di aver conservato intatto il loro patrimonio artistico e di presentare quindi al vivo una documentazione esatta di  questo patrimonio, raccolto nei secoli da una inesausta passione popolare.
In tutte le Scuole , comprese quelle che avevano una propria sede, avevano un proprio altare in una chiesa,m e la Pala d'Altare diventava un simbolo pubblico di tutto il sodalizio, che specchiava nell'opera d'arte la propria ambizione ed il proprio gusto artistico .
Da questo si può dedurre una delle regioni più importanti del grande sfarzo di pittura e di decorazione che troviamo in quasi tutte le chiese veneziane, la storia di ogni singolo altare può darci di riflesso non solo il fatto devozionale ma anche l'incentivo e l'orgoglio delle singole scuole per le opere d'arte.
Citando qualche caso, la scuola dei bombardieri aveva il proprio altare nella vicina chiesa di Santa Maria Formosa, con la "Santa Barbara" di Palma il Vecchio, la scuola dei Mascoli nella Basilica di San Marco aveva una Cappella con sculture e paliotto d'altare di Bartolomeo Bon, mosaici di cartone di Michele Giambono, Andrea Mantegna e Andrea del Castagno; la scuola dei cinturati, fabbricatori di cinture, aveva una propria Madonna nella chiesa di S.
Felice di Giovanni Bellini; la scuola dei Fiorentini aveva nell'altare nella chiesa dei Frari una scultura di Donatello.
Ogni scuola aveva un gonfalone che veniva portato in processione , e per dipingerlo venivano indetti concorsi tra i vari artisti: Vittore Carpaccio ad esempio dipinse quattro cicli di pitture per quattro scuole piccole: il ciclo di S.
Orsola nella scuola omonima, a S.
Giovanni e Paolo, il ciclo di S.
Giorgio a S.
Giorgio degli Schiavoni a S.
Antonin, il ciclo della storia [...]

Leggi tutto l'articolo