Via della Seta, Conte: 'Noi gli unici a richiamare regole Ue'

Passa senza modifiche il memorandum sulla Via della Seta.
E quanto si apprende da fonti di governo del M5S al termine del vertice a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte, i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, il ministro dell’economia Giovanni Tria e il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi.
“Dei 13 Paesi che hanno sottoscritto il memorandum con la Cina l’Italia è l’unico che richiama diffusamente principi e regole europee”, ha puntualizzato il premier Giuseppe Conte.
“Rafforzeremo la golden power per rafforzare gli interessi nazionali”, ha evidenziato Conte.
“Non ci impegnano a nulla – ha aggiunto – con l’intesa programmatica” sulla via della Seta “se non alla sottoscrizione di volta in volta di accordi che andranno valutati uno per uno”.
“Oggi – ha commentato il vicepremier Luigi Di Maio – vince il Made in Italy, con la Belt and Road Initiative l’Italia ha deciso di essere più sovrana.
Non è un’intesa politica con la Cina ma un’opportunità commerciale, gli Usa restano infatti il nostro principale alleato e la Nato la nostra casa naturale”.
“Questo è uno scatto in avanti dell’Italia, un cambio di passo verso il futuro”, aggiunge.
“È fondamentale aiutare le aziende italiane a crescere ed esportare all’estero, per raggiungere i numeri di Francia e Germania, e per questo ringraziamo per il grande lavoro fatto Conte, Di Maio e Geraci.
Ovviamente – puntualizzano fonti leghiste – la sicurezza nazionale viene prima di tutto e quindi su alcuni settori strategici per noi e per gli alleati (telecomunicazioni, energia, porti e infrastrutture) stiamo facendo tutte le verifiche e le valutazioni necessarie: prima viene la sicurezza degli Italiani, poi l’interesse economico”.
“La Cina – lancia l’allarme Silvio Berlusconi – è un Paese comunista e totalitario, che non mira solo a una primazia economia, ma mira anche a un’egemonia politica”.
Evidenziando che la “Cina ha messo mani anche sull’Africa”.
Intesa nel frattempo sul dl sblocca-cantieri che dovrebbe approdare in Consiglio dei ministri mercoledì.