Viaggi

Teotihuacan la città degli Dei Città del Messico.
Il sito archeologico precolombiano di Teotihuacan che in azteco significa "luogo dove gli uomini diventano dei".
Molto prima dell'avvento della civiltà europea sul suolo americano, Teotihuacan era conosciuta da tutti i popoli che abitavano nello stesso territorio e il rispetto per il suo nome si profuse in tutte le culture che occupavano quello che oggi è il Messico e parte dell'America centrale.
L'origine di Teotihuacan si fa risalire intorno al II secolo d.C.
nella zona centrale del Messico, dove si stabilì e proliferò, fino a raggiungere nel corso dei secoli una popolazione di quasi 200.000 persone, ed estese il proprio dominio fino a comprendere la maggior parte dell'attuale Messico, raggiungendo il culmine del suo splendore nel periodo compreso tra il 150 e il 450 d.C.
L'impero eccelse in ogni genere di arte, spesso apportando soluzioni originali, ma anche  rielaborando e diffondendo elementi che la capitale attraeva del Mesoamerica e, attraverso l'importazione di materiali litici, anche dal grande Nord.
Lo stile architettonico di Teotihuacan fornì un grande contributo alla cultura centroamericana in generale.
Ad esempio qui hanno avuto origine le piramidi a gradini, fondamentali nell'architettura Azteca e Maya.
Lo stile con cui è stata costruita è chiamata "talud-tablero", vale a dire che un pannello rettangolare (tablero) viene sistemato sopra ad un piano inclinato (talud).
La città era un importante centro manufatturiero ed ospitava numerosi vasai, gioiellieri ed artigiani.
I suoi dintorni erano inoltre ricchi di cave di ossidiana e c'era un intenso commercio di questo minerale e di manufatti con esso realizzati, con altre regioni del centroamerica.
Verso il 550 o il 650 d.C., probabilbmente non sapremo mai la data esatta, l'èlite di Teotihuacan fu sopraffatta senza troppa difficoltà e massacrata.
Subito dopo, cominciò la distruzione fredda, lucida, quasi ritualizzata del centro cerimoniale aristocratico della città.
Infine furono costruiti dei muri davanti alle scalinate delle piramidi a significare che quei rituali che dall'alto dei templi avevano illuminato la città erano finiti per sempre.
La maggior parte della popolazione e delle loro abitazioni fu risparmiata, in quanto la violenza si concentrò solo sui simboli del potere.
Paradossalmante, finiva così tra il fumo degli incendi, una città che dal fumo dell'eruzione dello Xitle prima e del Popocatepetl poi, avevano avuto unaiuto importante per affermare il suoi dominio incontrastato [...]

Leggi tutto l'articolo