Vigilare sugli atteggiamente di Ikea Anagnina!!

Mariani su IKEA Anagnina: "Vigilare su diritti personale" “Bisogna vigilare affinché nella sede di Anagnina di Ikea siano rispettati i diritti del personale”.
E’ quanto fa sapere in una nota Peppe Mariani, Presidente della Commissione Lavoro, Politiche Giovanili, Pari Opportunità e Politiche Sociali della Regione Lazio.
"Sono stato raggiunto da alcune segnalazioni circa un atteggiamento a dir poco discutibile da parte di Ikea, nei confronti di una lavoratrice con una figlia affetta da una grave malattia.
Nonostante questa lavoratrice abbia legittimamente usufruito dei benefici della Legge 104/92, che consistono in una riduzione dell’orario di lavoro per consentire un maggiore tempo di cura e assistenza per la propria figlia, l’Ikea la sta costringendo, contro ogni logica, ad eseguire la pausa pranzo durante l’orario di lavoro, cosa che le impedisce di uscire un’ora prima dal luogo di lavoro”.
“Considerato che la pausa pranzo di un’ora è obbligatoria solo nel caso di un orario giornaliero superiore alle 6 ore – continua Mariani – in questo caso non vi è nessuna necessità di obbligare una lavoratrice a fare una pausa che non desidera, e che soprattutto ostacola la sua possibilità di accudire una figlia malata." "Non vorremmo insomma che tale ingiustificabile atteggiamento da parte dell’azienda non sia in realtà un modo per spingere la lavoratrice ad abbandonare il suo posto di lavoro.” “Al fine di fugare ogni sospetto – prosegue Mariani – e di spingere l’azienda ad assumere atteggiamenti maggiormente rispettosi dei diritti del proprio personale, ho oggi stesso inviato una lettera alla direzione della sede di Ikea Anagnina.” “Specialmente per un’azienda come l’Ikea - conclude Mariani– che fa dell’eticità un marchio di garanzia per il pubblico dei consumatori, ci piacerebbe che ci venissero chiarite o eventualmente smentite, segnalazioni come queste che certo non contribuiscono all’immagine dell’azienda.”

Leggi tutto l'articolo