Villa dei Papiri (Villa dei Pisoni)

Villa dei Papiri (Villa dei Pisoni)
Ricostruzione virtuale della Villa dei Papiri
per gentile concessione della
Capware Digital Video
© 1999 Capware Tecnologie per la Cultura
 
La villa dei papiri, scoperta accidentalmente nell'aprile del 1750 mentre si scavava un pozzo in Via Cecere, rappresenta uno degli esempi più imponenti dell'architettura ercolanese prima dell'eruzione del 79 d.C.
Dopo aver portato alla luce una veranda semicircolare con un magnifico pavimento ad intarsio di marmi policromi, venne scoperto un peristilio con sessantaquattro colonne che circondava una piscina rettangolare. Sul bordo della piscina l'ingegnere Karl Weber, che per più di dieci anni si occupò dei lavori, trovò una vera e propria collezione di opere d'arte, oggetti e sculture in bronzo e marmo che oggi vengono custoditi nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli, in un'ampia sala dedicata esclusivamente ai ritrovamenti della Villa dei Papiri.
Gli scavi borbonici, eseguiti attraverso cunicoli, dopo aver ...

Leggi tutto l'articolo