Violenza sulle donne, sei nei guai? Chiedi al bar se c'è Angela

«C'è Angela?». Si tratta solo di un nome in codice - Angela appunto - che potrebbe essere qualsiasi altro. In Inghilterra la richiesta (Ask for Angela) funziona eccome quando una donna si trova in difficoltà: in discoteca, ad esempio, basta che la donna che si sente sessualmente minacciata o in pericolo per la propria incolumità fisica si presenti al banco del bar oppure al gurdaroba ed ecco che scattano tutta una serie di procedure per proteggerla. Dalla scorta al taxi che la porti a casa, ma anche telecamere puntate sui potenziali molestatori.
Ask for Angela sta per sbarcare anche in Italia, precisamente a Roma. I locali pubblici della Capitale (e via via del resto del Lazio) riceveranno istruzioni ad hoc per offrire una via di fuga alle donne che si sentono vittime di molestie o approcci indesiderati. La consigliera regionale del Pd, Marta Leonori, proprio pensando all'esperienza d'oltremanica ha infatti elaborato un emendamento sulle regole per la movida: La Regione promuove in pa...

Leggi tutto l'articolo