Vita di Lacan di Jacques Alain Miller, recensione di Biagio Giordano

Vita di Lacan di Jacques –Alain Miller (Scritta a beneficio dell’opinione pubblica illuminata) Quodlibet Studio Traduzione di Celine Menghi Euro 7,00   In   occasione  del  trentesimo  della  morte  di  Jacques Lacan, Jacques-Alain Miller ha  pubblicato  un libro sulla Vita di Lacan.
Una prima parte è uscita in Francia il 5 settembre in  libreria, in  Italia  è  stata   inclusa  nel numero 49 de  La Psicoanalisi.
Il libro completo in   Italia è uscito nel Gennaio 2012.
Jacques Alain Miller è stato incaricato da Lacan di stabilire il testo dei   suoi seminari.
E’ stato Direttore del Dipartimento di Psicanalisi   dell’Università di Parigi VIII.
Psicanalista, è stato il primo delegato   Generale dell’AMP (Associazione mondiale di Psicanalisi).
Numerosi i testi e   lezioni sul suo Corso, L’orientamento lacaniano, che sono pubblicati   sulla rivista La psicoanalisi (Astrolabio, dal 1987).
Lacan  amava dire, tre  anni dopo il ’68 che lui, la sua ribellione,   quella di un borghese, non  ne  faceva una falsa  onta, a  differenza di molti sinistrorsi, l’aveva   fatta passare  nella  Psicanalisi.
Si  perché Lacan, con il suo ritorno a Freud, si   ribella negli anni ’50  a  ogni psicanalismo, si  allontana da  tutto ciò che  dei  teoremi   di Freud appare irrimediabilmente compromesso con la medicina e le  professioni.
Lacan, che proveniva  da regolari studi di Psichiatria, si  occuperà  moderatamente  di ciò che riguardava  la ricerca  teorica  più  diffusa   dalle istituzioni accademiche, egli riprenderà principalmente quelle  teorie di  Freud  che il  grande Maestro  viennese  aveva lasciato in sospeso,  come, a partire dal 1915, gli  scritti meta psicologici, ai  quali Lacan darà  un  ulteriore    sviluppo, in  particolare  sui  concetti    di inconscio  e  rimozione    che anziché  essere  studiati  nella  prospettiva  di  una  più   chiara  concezione clinica, di riflesso   nosografico,  immediatamente  fruibile, venivano   elaborati    da Lacan in  tutta la vera problematicità e complessità   che li contraddistinguevano.
Lacan  riprende  con  cura   quegli  scritti di  Freud, inventando  nuove  direzioni  di  ricerca:    approfondendo  ad  esempio,   a  favore di   una  idea  di  psicanalisi    più  laica, quegli  aspetti teorici di Freud che più si erano   prestati a  dare, alla  psicanalisi  divulgata dalle istituzioni statali,   l’immagine psico-medica del [...]

Leggi tutto l'articolo