Viva il pop , viva Sanremo e sempre Forza NAPOLI!

  esercizio sugli aggettivi incantevole: Nicole Kidman decadente: Patty Pravo, i Pooh triste: Patty Pravo che insiste a "cantare" emozionante: il piano e voce di Elton commovente: il ricordo portato dalle vecchie canzoni di Laura Pausini e Eros Ramazzotti; mi ricordo che io e mia sorella le cantavamo a squarciagola e mio padre ci guardava con uno sguardo tra il perplesso e il compatito...
bravo: Carlo Conti  bravissima: Virginia Raffaele  professionale: Carlo Conti  divertentissima: Virginia Raffaele insignificanti: le canzoni in gara toccante: maestro Ezio Bosso mitico: maestro Beppe Vessicchio superlativi: gli abiti della modella improbabile: Ruggeri che canta in napoletano; i Bluvertigo e soprattutto Morgan efficace: per la legge sulle unioni civili valgono più delle strisce coi colori arcobaleno (e anche Ramazzotti che le agita) che mille dibattiti in parlamento.....  uno pagato per fare il deficiente che forse è proprio così al naturale (e l'aggettivo?): Gabriel Garko protagonista: l'orchestra della rai, con una orchestra tutte le musiche sembrano armoniche, anche se certe canzoni (tipo la canzone di Arisa, quella che mi piace di più, bella ma senza nemmeno un rullante che entra a dare un po' di aria apertura ed energia al pezzo)  Peccato che ho perso la serata di giovedì che ero via e la serata di venerdì che son crollata addormentata dopo l'esilarante entrata di "Belen"; per stasera bé, la partitona ha avuto il sopravvento ma sto registrando la serata finale: e peccato per il Napoli, la Juve non meritava affatto di vincere, con tutti quei giocatori di due metri che sembrano macchine da guerra!  Per il resto che dire....
da Sanremo raramente escono canzoni indimenticabili (specie ultimamente) ma quando accade...
capita  che ti trovi a cantarle anche 20 anni dopo, a 52 anni, mentre cambi le lenzuola dei tuoi figli che non erano ancora nati all'epoca della canzone...
Olè.
                                        La solitudine    

Leggi tutto l'articolo